Contenuto principale

Messaggio di avviso

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca Qui per ulteriori informazioni.

scarica da qui 

Istituto Comprensivo Desulo
Ambito territoriale Aritzo – Belvì - Gadoni
PIANO DELL'OFFERTA FORMATIVA
A.S. 2015/2016
Sommario
Premessa
p. 3
Descrizione del contesto
p. 4
Le nostre scuole
p. 5
Uffici di Segreteria e Presidenza
p. 5
Personale amministrativo
p. 6
Curricolo
p. 6
Inclusione
p. 7
Continuità e Orientamento
p. 8
Salute e Sicurezza
p. 8
Valutazione / Autovalutazione d’istituto
p. 9
Criteri generali di valutazione degli alunni
p. 9
Organizzazione dell'istituto
p. 12
Organi Collegiali
p. 13
Collaboratori del Dirigente, funzioni strumentali, commissioni di lavoro
p. 14
Pubblicità degli atti
p. 14
Criteri utilizzo risorse finanziarie
p. 15
Scuola dell’Infanzia
p. 15
Metodologia e strategie didattiche scuola dell'infanzia
p. 16
Indicazioni Nazionali per la scuola dell'infanzia
p. 17
Progetti e attività scuola dell'infanzia
p. 20
Uscite didattiche / Viaggi d'istruzione scuola dell'infanzia
p. 20
Scuola Primaria
p. 21
Indicazioni Nazionali per la scuola primaria
p. 22
Distribuzione oraria delle discipline
p. 33
Metodologia e strategie didattiche scuola primaria
p. 33
Valutazione scuola primaria
p. 34
Progetti e attività scuola primaria
p. 34
Visite guidate / Viaggi d'istruzione scuola primaria
p. 34
Scuola secondaria 1° grado
p. 35
Indicazioni Nazionali per la scuola secondaria di 1° grado
p. 35
Obiettivi generali scuola secondaria 1° grado
p. 45
Metodologia, strategie didattiche e valutazione scuola secondaria 1° grado
p. 46
Progetti e attività scuola secondaria 1° grado
p. 47
Visite guidate / Viaggi d'istruzione scuola secondaria 1° grado
p. 47
Calendario scolastico
p. 48
Premessa
Il presente PIANO DELL'OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.), secondo il regolamento sull'autonomia scolastica (DPR n. 275/1999), è il documento fondamentale della scuola: la identifica dal punto di vista culturale e progettuale, ne esplicita la progettazione curricolare, extracurricolare, educativa ed organizzativa.
Esso, si configura quindi, da una parte, come uno strumento di pianificazione per gli organismi preposti alla costruzione dei percorsi didattici, dall’altra come un importante mezzo finalizzato a rendere trasparenti e condivisi i principi, gli obiettivi, le azioni e i risultati delle scelte educative dell’Istituzione.
Il Piano persegue obiettivi che si basano sui seguenti nuclei fondanti:
A. I Diritti delle componenti interagenti condivisi in un contratto formativo via via regolato dall’attività di autoanalisi, monitoraggio, valutazione dell’efficacia e dell’efficienza in termini di esiti, processi (metodologie e strategie), procedure (spazi, tempi…);
B. I Principi Operativi, quali la continuità educativa e didattica, la cooperazione, la formazione, l’operatività tra i diversi Ordini di scuola e in rete, la flessibilità organizzativa e la relazione comunicativa.
Il POF è fondato quindi sulla condivisione dei Principi Operativi che orientano l’organizzazione, la gestione, l’attuazione, la verifica e la valutazione del servizio fornito dal nostro Istituto a vari livelli (istituzionale, scolastico, educativo–didattico, amministrativo e gestionale).
Il presente Piano rappresenta la sintesi del lungo lavoro di confronto avviato a livello di Collegio Docenti, sentiti gli altri Organi Collegiali d’Istituto e gli EE.LL. del territorio. Il primo settembre 2000, infatti, fu costituito l’Istituto Comprensivo di Desulo che, unendo l’ex Istituto Comprensivo di Aritzo, raccolse in un’unica Istituzione Scolastica, le scuole dell'infanzia, le scuole primarie e la scuola secondaria di 1° grado del territorio.
Proprio il territorio, con cui le nostre scuole hanno stabilito un legame molto stretto, costituisce un’autentica risorsa per l'istituto. Il rapporto tra le scuole e l’intera realtà territoriale, infatti, si è sempre rivelato forte e proficuo di scambi significativi, in primo luogo con le famiglie degli alunni, con i diversi Enti, Gruppi, Associazioni, Agenzie Educative che, a qualsiasi titolo, “si occupano di bambini e/o adolescenti”.
Ogni scuola deve essere profondamente radicata sul suo territorio, saperne cogliere bisogni, potenzialità, risorse che, nel predisporre il proprio progetto formativo, coniugherà con gli obiettivi generali comuni definiti a livello nazionale.
Questo documento rappresenta, pertanto, lo strumento attraverso il quale si è cercato di definire l’“identità” del nuovo Istituto, partendo dalla storia pregressa delle “parti” che lo componevano, confrontando e definendo finalità generali, obiettivi educativi e metodologie di lavoro.
Esso è il naturale sviluppo della pratica didattica della nostra scuola ed è costruito su criteri di verificabilità e trasparenza, in modo da consentire all’istituzione scolastica la massima apertura nei
confronti dei genitori e dell'intera comunità. Il P.O.F., inoltre, è coerente con gli obiettivi generali e educativi determinati a livello nazionale e locale, tiene conto delle esigenze del contesto sociale e nello stesso tempo prevede un'organizzazione della didattica che promuova il successo formativo di ogni alunno.
Le nuove Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo di istruzione tracciano le linee e i criteri per il conseguimento delle finalità formative e degli obiettivi di apprendimento per la scuola dell’infanzia e del primo ciclo, fornendo importanti punti di riferimento per la progettazione del curricolo e per il raggiungimento di quei traguardi previsti durante il percorso giunge al termine del primo ciclo di istruzione.
In tale documento si sottolinea l'importanza della centralità della persona, della sua identità, delle sue capacità, da considerare nello sviluppo e nella sua formazione. L’insegnamento disciplinare, di conseguenza, non può risultare frammentato, ma capace di far cogliere le interconnessioni tra i diversi saperi e di avviare gli alunni ad una visione unitaria della conoscenza: si favorisce l’interdisciplinarietà e il lavoro collegiale tra insegnanti di discipline diverse.
Le scuole sono chiamate all'elaborazione di curricoli che osservino una metodologia operativa di studio e di approfondimento, accompagnata da flessibilità e gradualità di applicazione.
In quest’ottica nascono le programmazioni Educative e Didattiche, accompagnate anche da specifici Progetti Educativi che saranno parti integranti del presente POF.
Certamente il riconoscersi nelle scelte educative esposte in seguito, costituisce un impegno qualificante per tutti i docenti, chiamati ad esercitare una professionalità dai risvolti sempre più complessi, perché richiede competenze diverse, articolate e da aggiornare continuamente, se non si vuole che quanto enunciato resti una pura dichiarazione di intenti.
Sebbene la scuola attuale si trova ad operare in una società complessa, con conflitti, contraddizioni e “sofferenza sociale”, questo fatto, se non facilita il lavoro dei diversi operatori, senz’altro lo stimola. Il Consiglio di Istituto, organo di indirizzo e controllo della scuola,nella riunione del 04/03/2015 ha deliberato quali elementi caratterizzanti del nostro istituto: l’inclusione, il recupero e il potenziamento di tutti gli alunni. Per inclusione si intende l’effettiva accoglienza di tutti senza privilegiare alcune categorie a discapito di altri. A tal fine ci si prefigge di portare avanti attività e progetti che aiutino il superamento delle difficoltà degli alunni, in particolari di quelli con BES, anche con l’apertura verso collaborazioni esterne con enti locali e altre agenzie educative per arricchire e potenziare l’offerta formativa che favorisca l’inclusione.
Descrizione del contesto nel quale la scuola è inserita
L’Istituto Comprensivo di Desulo raggruppa le scuole dell’infanzia, primarie e la secondarie di 1° grado situate all’interno del territorio dei comuni di Aritzo, Belvì, Desulo e Gadoni.
Contesto economico e socioculturale del territorio
I paesi di Aritzo, Belvì, Desulo e Gadoni, sono piccoli centri della Montagna del Gennargentu, con alle spalle una storia economica e una tradizione sociale molto simile,che pure, in passato, hanno vissuto qualche periodo economico di una certa entità, dovuto alle risorse di produzioni agricole, artigianali, minerarie, riferimenti che oggi non si possono più fare e che portano ad affrontare nuovi problemi legati all’occupazione e alla nuova emigrazione.
Questi comuni non si sono mai contraddistinti nella pratica di attività industriali per via dei molti aspetti limitativi anche nei settori più vicini alle risorse locali, e lo stesso artigianato, più vivo in alcune realtà rispetto ad altre, ha spesso dato risposte limitate al fabbisogno locale, tralasciando una produzione a più ampio raggio.
Potrebbero trovare i favori del turismo perché inseriti in posti interessanti dal punto di vista paesaggistico ed ambientale, ma escluso il breve periodo estivo o in occasione di sagre paesane e feste religiose, in cui si riscontra una certa presenza turistica, i risultati non sono soddisfacenti.
Pur nel contesto di un processo economico precario, è presente sul territorio la volontà di non recidere le radici con la tradizione e la cultura del passato; si citano a testimonianza di ciò il “Museo Etnografico”di Aritzo ed il “Montanaru” di Desulo, giacimenti di storia popolare, importanti testimoni della cultura di questo territorio, recentemente scomparsa. Come debbono essere presi in grande considerazione il “Museo di Scienze Naturali” di Belvì e il “Parco Geominerario” di Gadoni.
In questi ultimi anni si sono aggiunti altri stimoli culturali proposti dagli Enti Locali, da Associazioni e Gruppi vari presenti in loco; si citano, per esemplificare, le attività legate alle Biblioteche Comunali, i concerti, gli spettacoli teatrali, le attività sportivo-ricreative, le mostre di vario genere, le diverse esperienze di fruizione del territorio, ecc.
E’ evidente che gli allievi dell’Istituto possano beneficiare di pressoché tutte le offerte precedentemente indicate.
Altro dato importante è rappresentato dalla presenza quasi generalizzata di famiglie mononucleari in cui la cura e l’accudimento dei figli è pressoché a totale carico della coppia genitoriale e/o dei servizi esistenti sul territorio (asilo, scuola materna, scuola elementare, ecc.).
La sua popolazione è distribuita in fasce di età dove è evidente il calo demografico e migratorio.
Questa situazione ha ovviamente coinvolto anche la scuola, che sostanzialmente ha subito un calo delle presenze e registrato una non trascurabile dispersione scolastica.
Questo quadro di consapevolezza della realtà ha spinto la scuola ed i docenti a farsi carico di diverse istanze di promozione sociale e di formazione collaborando strettamente con le istituzioni e attivando continui processi di comunicazione con le famiglie e l’ambiente esterno nei modi possibili all’interno di una realtà con problemi complessi, pur di assicurare ai ragazzi una preparazione di base efficace: una scuola che si propone di collaborare con le famiglie e le istituzioni vuole trovare, come prima soluzione ai problemi, quello di orientare le giovani generazioni.
Ciò premesso è una scuola che vuole assicurare una formazione attraverso il potenziamento delle abilità di ciascuno in tutti i rami, abilità che saranno consolidate attraverso l’acquisizione di competenze che matureranno in quei progetti e nelle attività in generale, nelle esperienze ludiche, nelle argomentazioni logiche, nelle attività di ricerca, per poi trasferirle adeguatamente nella formazione professionale e nella vita di ogni giorno.
Valori su cui si fonda la realtà umana e sociale del territorio sono senz'altro la dignità sociale nel lavoro onesto, nella solidarietà e nel rispetto, sui quali si può far affidamento per far riemergere quell’antico spirito d’identità “impigliatosi” nella carenza di valori che momenti difficili impongono un po' a tutti.
L’integrazione con il territorio
La scuola si propone di accogliere le esigenze che emergono dal territorio e di rispondere con iniziative di formazione e di integrazione a tali richieste. Inoltre utilizza l’ambiente circostante come fonte di conoscenze e di esperienze oltre che come risorsa educativa finalizzata all’orientamento. La scuola favorisce anche momenti di incontro con esperti, operatori ed associazioni che propongono testimonianze e riflessioni su tematiche emergenti realizzando, talvolta, progetti in comune. Per raggiungere questi scopi la scuola si avvale della collaborazione e del sostegno economico delle Amministrazioni Comunali nonché di altri Enti-Istituzioni-Associazioni presenti sul territorio.
Le nostre scuole
La carta d’identità dell'istituto
Cod. Meccanografico: N U I C 8 3 4 0 0 5
Intitolazione: Istituto Comprensivo Desulo
Indirizzo: Via Cagliari, 66
Città, CAP e (Prov): Desulo 08032 (Nuoro)
Telefono: 0784 619219
Fax: 0784 617029
E-mail e PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito web: www.comprensivodesulo.gov.it
Dirigente: Dott.ssa Antonella Trabalza
Cod. Fiscale: 81001990910
Codice Unico dell'Ufficio: UFPF65
L’Istituto Comprensivo di Desulo è costituito da 4 plessi di scuola dell'infanzia, 3 plessi di scuola primaria e 3 sedi di scuola secondaria di 1° grado così articolato:
Nel territorio sono inoltre presenti:
- Aritzo: Istituto Tecnico Commerciale
- Belvì: Scuola dell'Infanzia parificata “Sacro Cuore”;
- Desulo: Istituto Professionale per i Servizi Alberghieri.
Uffici di segreteria e presidenza: orari
Descrizione scuola
Telefono
E-mail
Scuola dell’Infanzia Aritzo
0784 628006
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Scuola Primaria Aritzo
0784 629218
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Scuola Secondaria 1° grado Aritzo
0784 629236
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Scuola dell’Infanzia “Issiria” Desulo
0784 619046
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Scuola dell’Infanzia “Ovolaccio” Desulo
0784 619760
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Scuola Primaria “Ovolaccio” Desulo
0784 617177
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Scuola Secondaria 1° grado Desulo
0784 619219
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Scuola dell’Infanzia Gadoni
0784 625793
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Scuola Primaria Gadoni
0784 625979
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Scuola Secondaria 1° grado Gadoni
0784 625804
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
APERTURA AL PUBBLICO UFFICI DI SEGRETERIA
Dal lunedì al sabato
dalle ore 11,30 alle ore 13,30
Occasionalmente, in periodi di maggior lavoro, sono previste aperture pomeridiane delle quali sarà dato avviso all’albo.
Il Direttore dei Servizi Generali Amministrativi
Il martedì e giovedì
dalle 11.30 alle ore 13.30
Il Dirigente Scolastico
Il martedì e il giovedì
dalle 10.00 alle ore 12.00
Il Dirigente Scolastico riceve anche su appuntamento
Personale Amministrativo
Curricolo, scelte educative generali, finalità
Nel nostro territorio l’apprendimento della lingua avviene oggi in uno spazio antropologico caratterizzato da una varietà di elementi: la persistenza, anche se quanto mai ineguale e diversificata, della dialettofonia; la ricchezza e la varietà delle lingue minoritarie; la compresenza di più lingue parlate in altre zone del mondo; la presenza infine dell’italiano parlato e scritto con livelli assai diversi di padronanza e con marcate varianti regionali.
Tutto questo comporta che nell’esperienza di molti bambini e ragazzi l’italiano rappresenti una seconda lingua. La cura costante rivolta alla progressiva padronanza dell’italiano implica, dunque, che l’apprendimento della lingua italiana avvenga a partire dalle competenze linguistiche e comunicative che gli allievi hanno già maturato nell’idioma nativo e guardi al loro sviluppo in funzione non solo del miglior rendimento scolastico, ma come componente essenziale delle abilità per la vita. Ogni scuola dell'Istituto, in base al grado di istruzione che è chiamata a gestire, all’organico di cui dispone, alle strutture fisiche, alle risorse finanziarie, strumentali e professionali a cui può fare affidamento, realizza le opportunità formative che è in grado di sostenere. Il curricolo obbligatorio sarà quindi arricchito e integrato da ulteriori proposte formative, in particolare l'insegnamento del sardo che, all’atto dell’iscrizione, la famiglia potrà scegliere.
La scuola concorre all’educazione e allo sviluppo affettivo, psicomotorio, cognitivo, morale, religioso e sociale, accogliendo e valorizzando le diversità individuali, promuovendo lo sviluppo della personalità, le potenzialità di relazione, autonomia, creatività e apprendimento, al fine di far acquisire e sviluppare le conoscenze e le abilità di ciascuno, anche in relazione alla tradizione culturale e all’evoluzione sociale, culturale e scientifica della realtà contemporanea, caratterizzata dalla diversificazione didattica e metodologica in relazione allo sviluppo della personalità dell’allievo.
La scuola ha il compito di valorizzare l’alunno come persona e creare le condizioni per garantire a tutti pari opportunità di sviluppo e crescita culturale, accogliendo le diversità di ciascuno.
Si propone di favorire nell’alunno:
 la conoscenza ed il rispetto di sé, degli altri e dell’ambiente;
 lo sviluppo armonico della personalità;
 l’acquisizione di saperi e competenze fondamentali;
 l’acquisizione della capacità di compiere scelte consapevoli e responsabili.
Un clima di serenità aiuta l’alunno a “star bene a scuola”, ad affrontare le difficoltà che incontra nella crescita e a prendere coscienza delle proprie possibilità e potenzialità.
È inoltre fondamentale che l’alunno sia consapevole dei limiti della propria libertà e comprenda che la conoscenza e la condivisione delle regole permettono il “vivere bene insieme”.
Solidarietà ed aiuto reciproco sono quindi, al tempo stesso, obiettivi da raggiungere e mezzi da utilizzare per la crescita personale e sociale.
Le condizioni per un buon apprendimento si realizzano attraverso scelte di contenuti e metodi adeguati all’età, agli interessi e ai bisogni degli alunni.
Funzione
Personale addetto
Direttore Servizi Generali Amministrativi
DEPLANO GIOVANNA
Competenze contabili – Didattica alunni;
Gestione Personale ATA – Elezioni OO.CC. - Docenti impegnati in corsi formazione (es. PAS);
Amministrazione Personale Docente Scuola Infanzia, Primaria e secondaria di Aritzo, Belvì e Gadoni; Assicurazioni.
PINTORE GIANNI LIO
Competenze contabili – Didattica alunni – Alunni BES;
Gestione Personale ATA – Elezioni OO.CC.
Amministrazione Personale Docente Scuola Infanzia, Primaria e secondaria di Desulo ; Assicurazioni.
FRAU MARIA PINA
Finanziaria Patrimonio e varie –
Protocollo- Archivio – Corrispondenza –
Cura Viaggi d’istruzione – Ordini materiale
Amministrazione del personale ATA
CHESSA GIOVANNI
È compito dei docenti sostenere e verificare la motivazione ad apprendere e rendere gli alunni protagonisti del loro percorso formativo.
Le scelte educative/didattiche sono di per sé finalizzate ad evidenziare le attitudini, gli interessi e le abilità di ciascuno attraverso le articolazioni nelle diverse aree disciplinari. Tale programmazione è supportata, inoltre, dalle attività opzionali e dai progetti che favoriscono una più ampia conoscenza di sé, degli altri e delle realtà socio-ambientali e permettono una più libera manifestazione delle potenzialità personali.
La programmazione educativa/didattica è integrata dalla realizzazione di progetti mirati a prevenire situazioni di disagio e favorirne il superamento. Inoltre, sarà curata la ricerca di stimoli e motivazioni allo studio, sia mediante attività integrative che perseguono obiettivi trasversali, sia mediante interventi di recupero finalizzati allo sviluppo di abilità e competenze disciplinari.
L’inclusione e l’educazione interculturale: la diversità delle persone e delle culture come ricchezza
La Scuola utilizza situazioni reali e percorsi preordinati per far acquisire all'alunno non solo la consapevolezza delle varie forme, palesi o latenti, di disagio, diversità ed emarginazione esistenti nel loro ambiente prossimo e nel mondo che ci circonda, ma anche la competenza necessaria ad affrontarle e superarle con autonomia di giudizio e rispetto nei confronti delle persone e delle culture coinvolte.
Parimenti, essa porta ogni allievo non solo alla presa di coscienza della diversità, ma lo stimola anche ad operare e a ricercare, con sensibilità, rispetto, creatività e partecipazione, un confronto positivo finalizzato all'inclusione ed alla consapevolezza che la diversità è una risorsa educativa e didattica per tutti.
La scuola dell'inclusione si realizza, quindi, operando in modo che gli alunni, in ordine alla realizzazione dei propri fini ed ideali, possano sperimentare l'importanza sia dell'impegno personale, sia del lavoro di gruppo attivo e solidale, attraverso i quali accettare e rispettare l'altro, dialogare e partecipare in maniera costruttiva alla realizzazione di obiettivi comuni.
In questo senso, trova un esito naturale nell'esercizio competente di tutte le “buone pratiche” richieste dalla Convivenza Civile a livello e in prospettiva locale, nazionale, europea e mondiale.
Parlare di “diversità” significa superare il concetto di deficit come ciò che manca e che è irrimediabilmente perso, per valorizzare, invece, l’unicità della persona in quanto tale e non solo in relazione alla condizione deficitaria. Iniziare ad usare questo termine, quindi, può aiutare a spostare l’attenzione dalla patologia e dall’handicap, alla storia della persona disabile ed “…al suo cammino acquisito di abilità”.
Partire dal “sa fare” di ogni bambino con bisogni educativi speciali (BES) significa volgere lo sguardo sulla sua persona e non su un organismo bisognoso soltanto di cure specialistiche. Spostare l’attenzione sullo sviluppo di ciò che c’è di unico e originale, vuol dire porsi nell’ottica di una ricerca permanente di strategie, percorsi e modelli didattici che rispettano l’identità della persona, aumentano le sue competenze comunicative/relazionali e valorizzano le sue risposte personali.
Partire da quello che un bambino è e dalle sue potenzialità, coinvolge il contesto nel quale vive, in quanto invita tutti a riconoscersi nelle differenze ed a scoprirsi diversi per scoprire la diversità. La presenza dell’alunno in situazione di handicap piuttosto che con disturbi specifici dell'apprendimento (DSA), diventa, allora, una grande risorsa perché aiuta “a problematizzare l’immagine della persona con BES, per scoprire che è appunto un’immagine e che non sempre coincide con la realtà”.
Soprattutto aiuta a superare la paura della diversità attraverso l’interazione quotidiana, con il quale si costruisce la propria storia in un intreccio di relazioni che, oltre a favorire un clima autenticamente solidale, sviluppa competenze e abilità.
Quando si parla di alunni con bisogni educativi speciali non si può prescindere dal considerare, fra essi, gli alunni stranieri: in questo contesto risulta determinante e imprescindibile attivare dei percorsi condivisi di educazione interculturale e di alfabetizzazione linguistica e culturale, articolati in diversi livelli, sia per singole classi che per gruppi di alunni di classi diverse.
Pertanto, questo istituto mette in atto, nel processo formativo, strategie utili a guidare ogni alunno al raggiungimento dei propri traguardi di apprendimento, considerando la sua peculiarità, i suoi ritmi e modi di apprendimento, per conseguire un'autonomia e consapevolezza utile nel prosieguo degli studi e, non meno importante, nella vita di tutti i giorni.
Tutta la pianificazione relativa al processo di inclusione elaborata dal Gruppo di Lavoro per l'Inclusività dell'istituto (Commissione Inclusione) si concretizza nel Piano Annuale per l'Inclusività, disponibile nel sito e facente parte integrante del POF.
DIPARTIMENTI PER ASSI CULTURALI - La continuità e l’orientamento
La scuola si configura come contesto educativo e di apprendimento, saldamente raccordato con tutte le esperienze e conoscenze precedenti, collaterali e successive dell’alunno.
Nell’intento di garantire al bambino un cammino graduale e continuo nella scoperta delle proprie potenzialità e nell’acquisizione di competenze attraverso le diverse esperienze vissute acquista particolare importanza assicurare un percorso formativo il più possibile continuo ed organico elaborato collegialmente.
Sono stati istituiti i Dipartimenti disciplinari che avranno cura di elaborare dei percorsi atti a condividere attività e criteri comuni, anche dal punto di vista della valutazione, tra le “classi ponte”.
Ogni dipartimento si occuperà di:
 analizzare le competenze e conoscenze degli alunni nella prospettiva del curricolo verticale e definire obiettivi comuni per l’efficacia della verifica delle competenze e della valutazione delle stesse;
 curare l’orientamento, fase fondamentale affinchè agli alunni sia garantita continuità tra i vari ordini di scuola nell’ottica del “ lifelong learning”, cioè dell’apprendimento permanente, al fine di rafforzare la propria identità e affrontare positivamente i cambiamenti insiti nella realizzazione del proprio “progetto di vita”.
 Rilevare le criticità relative all’apprendimento per poter elaborare una programmazione flessibile e adattabile ai diversi ordini di scuola nell’ottica dell’inclusione di tutti gli alunni, nessuno escluso.
Consapevole della complessità di questo percorso, la scuola si impegna a dare concretezza a tale confronto positivo e propositivo con la prima agenzia educativa, la famiglia, offrendo occasioni di scambio e di incontro.
I viaggi d’istruzione e le uscite didattiche
I viaggi d’istruzione e le uscite didattiche sono ritenute attività disciplinari a tutti gli effetti.
Per questo motivo devono risultare sempre:
 adeguatamente programmate nelle attività curricolari;
 opportunamente organizzate a livello generale, in tutti gli aspetti.
 provviste di adeguata copertura finanziaria.
Essendo quindi un momento formativo vero e proprio, a prescindere dalla variabile indipendente degli scopi dichiarati, tutti i viaggi e le uscite tendono al raggiungimento di capacità di autodisciplina, abitudine all’autogoverno in situazioni di libertà, che l’aula spesso non consente, capacità di socializzazione e avvio all’apprendimento consapevole in ogni situazione.
La salute e la sicurezza
Promuovere e consolidare negli alunni la “cultura della salute e della sicurezza” è un obiettivo trasversale che, come tale, non appartiene ad alcun ambito disciplinare specifico ma, piuttosto, si inserisce nel più generale capitolo dell’educazione alla Convivenza Civile, in osservanza al principio costituzionale della tutela della salute come diritto di ogni persona alla propria integrità.
“Educare alla sicurezza” richiede che ogni alunno divenga:
 consapevole degli obblighi e dei diritti di cui è titolare;
 consapevole dei potenziali rischi per la salute che si possono incontrare a scuola (come in ogni altro ambiente) o che si possono determinare con comportamenti scorretti;
 consapevole del diritto a vivere in un ambiente sano e sicuro e di dover contribuire a mantenerlo tale con comportamenti adeguati.
Educare alla salute e alla sicurezza, quindi, appartiene ai compiti specifici della scuola quale luogo deputato alla crescita e allo sviluppo della coscienza democratica e della cultura della responsabilità.
Le disposizioni del D.Lgs. 81/08 e di tutta la legislazione seguente, obbligano anche la scuola ad uno sforzo di informazione e formazione tale da coinvolgere tutto il personale docente e non
docente, oltre agli alunni, in un cammino di crescita comune verso la cultura del benessere psico-fisico.
La scuola ritiene poi di fondamentale importanza condividere valori, scelte e strategie con le famiglie dei propri alunni, al fine di creare una situazione educativa coerente ed efficace per la crescita globale e lo sviluppo armonico della personalità dei ragazzi.
Sempre relativamente alla sicurezza, in tutti gli edifici scolastici, costruiti in momenti diversi (approssimativamente negli ultimi 50 anni), recentemente sono stati eseguiti lavori di adattamento strutturale ed altri sono ancora in corso per rispondere a quanto previsto dalla normativa vigente in materia (D.Lgs. n. 81/2008 e seguenti).
La Valutazione/autovalutazione d’Istituto
I docenti dell’Istituto da tempo sono impegnati in un’azione di valutazione degli alunni in linea con quanto previsto dalle nuove Indicazioni Nazionali.
La valutazione è espressione dell’autonomia professionale propria della funzione docente, nella sua dimensione individuale e collegiale, nonché dell’autonomia didattica delle istituzioni scolastiche. Ha per oggetto il processo di apprendimento, il comportamento e il rendimento scolastico complessivo degli alunni e concorre, con la sua finalità anche formativa, al miglioramento dei livelli di conoscenza e al successo formativo.
La valutazione è un elemento pedagogico fondamentale delle programmazioni didattiche, in quanto permette di seguire i progressi dell’alunno rispetto agli obiettivi e ai fini da raggiungere: il sapere, il saper fare e il saper essere.
Il sapere riguarda l’acquisizione dei contenuti disciplinari, il saper fare la capacità di trasformare in azione i contenuti acquisiti e il saper essere la capacità di tradurre conoscenze e abilità in comportamenti razionali.
Il processo di valutazione consta di tre momenti:
- la valutazione diagnostica o iniziale che serve a individuare il livello di partenza degli alunni, ad accertare il possesso dei prerequisiti;
- la valutazione formativa o in itinere, che è finalizzata a cogliere informazioni analitiche e continue sul processo di apprendimento. Favorisce l’autovalutazione da parte degli studenti e fornisce ai docenti indicazioni (feedback) per attivare eventuali correttivi all’azione didattica o predisporre interventi di recupero e rinforzo;
- la valutazione sommativa o finale che si effettua alla fine del 1° quadrimestre ed a fine anno, al termine dell’intervento formativo. Serve per accertare in che misura sono stati raggiunti gli obiettivi, ed esprimere un giudizio sul livello di maturazione dell’alunno, tenendo conto sia delle condizioni di partenza sia dei traguardi attesi.
L’Istituto Comprensivo di Desulo ha ritenuto pertanto opportuno, in questi anni, attivare un confronto più approfondito sull’area didattico-educativa, sul rapporto scuola-famiglia e sull’organizzazione scolastica, puntando, quindi, l’attenzione sui processi più che sulle risorse e sugli esiti. Attraverso la somministrazione condivisa di prove oggettive standardizzate, ha impostato la valutazione dei processi e delle capacità di apprendimento degli alunni, monitorando le prove stesse fin dall’uscita dalla scuola dell'infanzia e seguendo progressivamente il percorso formativo.
Sistema Nazionale di valutazione (SNV)
A seguito del Regolamento sul Sistema Nazionale di Valutazione (DPR 80/2013) tutte le istituzioni scolastiche sono tenute ad attivare un percorso di autovalutazione secondo gli indicatori e le direttive del Ministero.
La nostra scuola, in linea con quanto portato avanti negli anni passati, ha adeguato il percorso auto valutativo alle indicazioni a livello nazionale.
A tal fine, sin dagli anni precedenti, è stata individuata dal Collegio dei Docenti un'apposita Commissione, trasformata nell’anno 2014-2015 in Unità di Autovalutazione come previsto dalla recente normativa, che si occupa di:
- stabilire criteri valutativi comuni da utilizzare non solo tra docenti di una disciplina (per classi parallele), ma anche tra docenti di diversi ordini di scuola;
- definire prove comuni per classi parallele;
- definire linee programmatiche disciplinari e obiettivi minimi comuni per classi parallele;
- formulare questionari di autovalutazione per l'utenza e per tutto il personale scolastico, al fine di monitorare e ricevere dei feedback importanti sull'azione organizzativa, didattica ed educativa e rispondere al meglio ai bisogni dell’utenza tutta da utilizzare per la predisposizione del RAV;
- elaborare il Rapporto di Autovalutazione (RAV).
Valutazione alunni con BES.
Per gli alunni con disabilità certificata, la valutazione è riferita al comportamento, alle discipline e attività svolte, sulla base del Piano Educativo Individualizzato, condiviso dal Consiglio di Classe, dalla famiglia e dagli operatori che seguono l'alunno.
Per quanto attiene agli alunni con D.S.A. (Disturbi Specifici dell’Apprendimento), il consiglio di classe valuta in base a quanto stabilito nel Piano Didattico Personalizzato, condiviso dagli insegnanti e dai familiari dello studente sulla base delle indicazioni delle equipe che seguono gli alunni e in linea con quanto previsto dalla normativa sui DSA (L. 170/2010).
Anche per gli alunni con bisogni educativi speciali, privi di certificazioni ma individuati tali dai rispettivi consigli di classe, la nostra scuola prevede la predisposizione del PDP e tutta una serie di attività finalizzate ad una inclusione condivisa con la famiglia.
Di seguito sono esplicitati i criteri definiti dalla Commissione Valutazione/Autovalutazione.
SOMMARIO
Criteri generali sulla valutazione degli alunni
Apprendimento: descrittori di valutazione comuni a tutte le discipline/campi di esperienza
Per gli alunni della scuola primaria e secondaria di primo grado la valutazione sarà espressa in decimi, per la scuola dell'infanzia con un giudizio finale:
10
ottimo
Ha raggiunto in modo completo, approfondito
e consapevole gli obiettivi previsti
9
distinto
Ha raggiunto in modo sicuro e completo gli obiettivi previsti
8
buono
Ha raggiunto in modo soddisfacente gli obiettivi previsti
7
discreto
Ha raggiunto in modo più che sufficiente gli obiettivi previsti
6
sufficiente
Ha raggiunto gli obiettivi minimi previsti
5
non sufficiente (infanzia/primaria)
insufficiente (sec.1°gr.)
Non ha raggiunto gli obiettivi minimi previsti (infanzia/primaria)
Ha raggiunto parzialmente gli obiettivi minimi previsti (sec. 1° grado)
4
gravemente
insufficiente
(solo scuola sec. 1° grado)
Non ha raggiunto gli obiettivi previsti
Comportamento: Attribuzione del voto di condotta e valutazione della frequenza
10
 Frequenza assidua;
 comportamento corretto con docenti, compagni e personale non docente;
 nessun richiamo;
 attenzione partecipe e attiva,
 impegno vivo;
 spirito di collaborazione e disponibilità verso i compagni;
 critica costruttiva;
 valida capacità di autocontrollo.
9
 Frequenza regolare;
 comportamento corretto con docenti, compagni e personale non docente;
 nessun richiamo;
 attenzione costante;
 partecipazione motivata;
 impegno assiduo;
 buona capacità di autocontrollo e disponibilità verso i compagni.
8
 Frequenza continua;
 comportamento corretto con docenti, compagni e personale non docente;
 nessun richiamo significativo;
 attenzione regolare;
 partecipazione attiva;
 impegno costante;
 adeguata capacità di autocontrollo e disponibilità verso i compagni.
7
 Frequenza non sempre regolare;
 comportamento non sempre corretto con docenti, compagni e personale non docente;
 qualche annotazione ;
 attenzione discontinua;
 partecipazione incostante;
 impegno non sempre regolare;
 discrete capacità di autocontrollo e disponibilità verso i compagni.
6
 Frequenza discontinua; partecipazione irregolare;
 comportamento non sempre corretto con docenti,compagni e personale non docente;
 ripetuto disturbo dell’ attività didattica;
 varie annotazioni sia sul diario che sul registro di classe e ripetute convocazioni dei genitori;
 attenzione saltuaria;
 impegno superficiale;approssimativa capacità di autocontrollo e atteggiamenti non sempre disponibili verso i compagni.
5
 Assenza oltre i 51 giorni, salvo i casi particolari;
 completo disinteresse per tutte le attività scolastiche, comportamento scorretto;
 turpiloquio nei confronti della scuola, dei docenti, dei compagni e del personale non docente;
 atti di bullismo e gravi danneggiamenti agli arredi e ai locali della scuola, nonché a beni o cose appartenenti ad alunni o personale scolastico, ripetuto disturbo dell’attività didattica, insensibilità ai richiami e reiterate convocazioni dei genitori per motivi disciplinari;
 molteplici annotazioni scritte sia sul diario che sul registro di classe;
 mancanza totale di autocontrollo e indisponibilità verso i compagni;
 gravi provvedimenti di sospensione dalle attività didattiche superiori ai 15 giorni.
Organizzazione
Organi Collegiali
CONSIGLIO D’ISTITUTO: composto dal Dirigente Scolastico, sei rappresentanti del personale docente e non docente, sei rappresentanti dei genitori (di cui uno lo presiede). É l'organo di indirizzo politico dell'istituto. Tra i suoi vari compiti:
- Elabora criteri per l'impiego delle risorse finanziarie
- Delibera su materie quali l'adattamento del calendario scolastico, l'uso dei locali scolastici, l'adozione di regolamenti;
- Approva il POF;
- Approva il Programma Annuale;
- Approva il Conto Consuntivo.
GIUNTA ESECUTIVA: composta dal Dirigente Scolastico, che la presiede, da un rappresentante del personale docente, uno degli ATA e due rappresentanti dei genitori (tutti eletti all'interno del Consiglio d'Istituto). La DSGA funge da Segretario verbalizzante. La Giunta Esecutiva prepara i lavori del Consiglio d'Istituto: è un organo tecnico.
COLLEGIO DEI DOCENTI: composto dal Dirigente Scolastico, che lo presiede, e da tutti i docenti dell'Istituto. Tra i suoi vari compiti:
- Elabora il POF, anche attraverso Commissioni di lavoro;
- Ha potere deliberante in materia di funzionamento didattico;
- Cura la programmazione dell'attività educativo-didattica e ne valuta l'efficacia;
- Stabilisce i criteri generali per lo svolgimento delle varie attività scolastiche.
CONSIGLIO DI INTERSEZIONE/INTERCLASSE: composto da tutti i docenti di un determinato plesso di scuola dell'infanzia o primaria, oltre ai rappresentanti dei genitori (uno per ogni classe). Presieduto dal Dirigente Scolastico o da un suo delegato (in genere il coordinatore di plesso).
CONSIGLIO DI CLASSE: composto da tutti i docenti di una determinata classe di scuola secondaria di 1° grado, oltre ai rappresentanti dei genitori (quattro per ogni classe). Presieduto dal Dirigente Scolastico o da un suo delegato (in genere il coordinatore di classe).
Tra i vari compiti:
- Si occupa della programmazione didattico-formativa della classe/sezione;
- Si confronta sull’andamento generale dell’attività didattica;
- Delibera in materia di valutazione periodica;
- Assume provvedimenti disciplinari e il voto in condotta;
- Organizza eventuali strategie di recupero, attività integrative e complementari;
- Formula proposte e favorisce lo scambio scuola-famiglia e la partecipazione dei genitori.
COMITATO VALUTAZIONE DEI DOCENTI: verrà individuato dal Collegio dei Docenti e dal Consiglio d’Istituto, avrà durata triennale e si occuperà di quanto previsto dalla legge 107/2015.
Rappresentanze Sindacali Unitarie (RSU): composte da tre unità tra personale docente e ATA, conducono per conto del personale scolastico la contrattazione integrativa d'istituto con il Dirigente Scolastico su determinate materie previste dal CCNL Comparto Scuola.
Organo di Garanzia: composto dal Dirigente Scolastico, che lo presiede, un rappresentante del personale docente e due rappresentanti dei genitori. Si esprime in caso di ricorso da parte di alunni/genitori in seguito a provvedimenti disciplinari assunti dal Consiglio di classe o dal Consiglio di Istituto. Opera solo per la scuola secondaria di 1° grado.
Collaboratori, Funzioni Strumentali, Coordinatori, Commissioni
STAFF DI DIREZIONE A.S. 2015-2016: RUOLI E FUNZIONI
Botti Maria D.
1° Collaboratore del Dirigente
Deligia Marco
2° Collaboratore del Dirigente
Peddes Claudio
Coordinatore di sede Scuola Secondaria 1° grado Desulo
Cocco Raffaella
Coordinatore di sede Scuola Secondaria 1° grado Gadoni
Murgia Vittoria
Coordinatore di sede Scuola Secondaria 1° grado Aritzo
Deligia Marco
Coordinatore di plesso Scuola Primaria Aritzo
Botti Maria D.
Coordinatore di plesso Scuola Primaria Desulo
Giovanna Meleddu
Coordinatore di plesso Scuola Infanzia Desulo “Issiria”
Francesca Gioi
Coordinatore di plesso Scuola Infanzia Desulo “Ovolaccio”
Annalisa Pisu
Coordinatore di plesso Scuola Infanzia Aritzo
Giusi Ambrosio
Coordinatore di plesso Scuola Infanzia Gadoni
FUNZIONI STRUMENTALI:
Deligia Marco
Funzione strumentale nuove tecnologie, Sito web, Registro elettronico, supporto ai docenti
Fenu Giancarlo
Funzione strumentale valutazione/autovalutazione INVALSI
Contu A.Tito
Funzione strumentale Area progettuale,orientamento e viaggi di istruzione
Peddes Claudio
Funzione strumentale Inclusione
Commissioni
COMMISSIONI
DOCENTI
POF
Pisu A. - Puggioni M. - Deligia M. – Cocco R. – Arena C. – Congias Maria - Congias Mariangela – Russomando L. Uras F.
GLI
Peddes C. – Cadau A.R. – Lobina P. – Cualbu G. – Peddio G.A. – Murgia V. – Catrini A. – Floris M.C. – Chessa D.
VALUTAZIONE /AUTOVALUTAZIONE
Unità di Autovalutazione
Deligia M. – Botti M. - Congias Mariangela., Fenu G., Marotto A. - Carta L. -
CONTINUITA’
Ambrosio G., Cadinu F., Ermini R.B.,Floris M.M.
Pubblicità degli atti:
L’Istituto Comprensivo considera la trasparenza, nei rapporti amministrativi interni e in quelli con l’utenza tutta, condizione fondamentale per favorire la partecipazione democratica alla gestione scolastica. Si garantisce, pertanto, la pubblicizzazione nel sito web dell'istituto (www.comprensivodesulo.gov.it) dei documenti attinenti alla sfera organizzativa, amministrativa, didattica, finanziaria e negoziale dell'istituto.
I criteri per l'utilizzo delle risorse finanziarie assegnate alla scuola dallo Stato e dagli EE.LL.
I fondi che il MIUR assegna all'Istituzione scolastica vengono utilizzati:
 per realizzare i progetti di arricchimento dell'offerta formativa destinati agli alunni;
 per garantire il normale funzionamento amministrativo generale;
 per garantire il funzionamento didattico ordinario di tutte le scuole dell'Istituto.
L'istituzione scolastica generalmente riceve ulteriori risorse dagli EE.LL. (RAS, Provincia, Comuni del territorio, Comunità Montana) per:
 dotazioni di sussidi tecnologici;
 acquisto materiale didattico;
 attività progettuali;
 visite guidate e viaggi d'istruzione;
 acquisto di altri beni e servizi.
Alle famiglie degli alunni può essere richiesto di contribuire, in assenza di risorse da parte della scuola e sempre su base volontaria, alla copertura finanziaria delle spese connesse alla realizzazione del Piano dell'Offerta Formativa, in particolare per quanto attiene:
 gite scolastiche e visite guidate;
 trasporti;
 attività sportive;
 attività teatrali;
 altre attività di arricchimento dell'offerta formativa.
A carico delle famiglie vi è, infine, la quota relativa alla copertura assicurativa degli alunni.
SOMMARIO
LA SCUOLA DELL’INFANZIA
ORGANIZZAZIONE DELLE SEZIONI
L’orario di funzionamento della Scuola dell’Infanzia dei plessi di Desulo di Aritzo e Gadoni è di 40 ore la settimana (8 ore dal lunedì al venerdì). L'ingresso è previsto nella fascia oraria 8,00 – 9,30 e l'uscita nell'intervallo 15,30-16,00. L’orario delle insegnanti è articolato nel doppio turno: antimeridiano e pomeridiano, con l’alternanza giornaliera e settimanale e con un giorno di riposo corrispondente al sabato.
Numeri della scuola dell'Infanzia (totale n. 95 alunni)
Scuola
N° sezioni
N. alunni
N. docenti
Desulo “Issiria”
2
39
4 ( + 1 insegnante di religione per n.3 ore)
Desulo “Ovolaccio”
2
27
6 ( + 1 insegnante di religione per n.3 ore)
Aritzo
1
17
2 ( + 1 insegnante di religione per n.1,30 ore)
Gadoni
1
12
2 ( + 1 insegnante di religione per n.1,30 ore)
La Scuola dell’Infanzia, sistema pubblico integrato e primo segmento della formazione scolastica, liberamente scelta dalle famiglie concorre all’educazione e allo sviluppo affettivo, psicomotorio, cognitivo, morale, religioso e sociale delle bambine e dei bambini promuovendone le potenzialità di relazione, l’autonomia, la creatività e l’apprendimento. Assicura una effettiva eguaglianza di opportunità educative impegnandosi in azioni di prevenzione di ogni forma di svantaggio tenendo conto del ruolo sostanziale della famiglia e delle loro scelte educative. Realizza il senso Nazionale e Universale del Diritto all’Istruzione e si pone la finalità di promuovere:
 lo sviluppo dell’Identità,
 lo sviluppo dell’Autonomia,
 lo sviluppo della Competenza,
 lo sviluppo della Cittadinanza.
Le attività saranno adeguate alla specificità di questa scuola e alle esigenze evolutive dei bambini dai 2 anni e mezzo ai sei anni introdotto con il decreto Gelmini, L. 133/08, che ha aperto le iscrizioni ai bambini che compiono i tre anni entro il 30 aprile dell'anno scolastico di riferimento.
Il Curricolo per la Scuola dell’Infanzia si articolerà tenendo conto dei criteri che la caratterizzano per la sua Specificità, per la Multidimensionalità, per la Flessibilità, per l’Integrazione e per la Responsabilità, attraverso l’esperienza degli ambiti del fare e dell’agire (campi di esperienza):
- Il sé e l’ altro
- Il corpo e il movimento
- Linguaggi, creatività, espressione
- I discorsi e le parole
- La conoscenza del mondo.
Le attività e i percorsi oltre a favorire la formazione della personalità e l’acquisizione di capacità e competenze promuoveranno un’interazione sociale per l’arricchimento dell’esperienza. Altro compito sarà quello di favorire l’acquisizione delle abilità e delle competenze necessarie per affrontare il passaggio graduale e positivo nel successivo ordine di scuola. Al termine della Scuola dell’Infanzia verranno individuati, come suggeriscono le Indicazioni Nazionali, dei traguardi per lo sviluppo delle competenze che rappresentano riferimenti per gli Insegnanti, indicano piste da percorrere e aiutano a finalizzare l’azione educativa allo sviluppo integrale dell’alunno. La proposta educativa verterà prevalentemente sui molteplici aspetti di un tema unificante del piano annuale delle attività: Il bambino e l’ambiente nei suoi molteplici aspetti.
Metodologia e strategie didattiche
Il piano delle attività darà particolare rilievo al “fare e alle esperienze di contatto con la natura, le cose, i materiali e l’ambiente socio-culturale”.
Questo contatto avverrà:
- con la realtà sociale (negozi di rivendita, uffici, ecc.);
- con quella culturale (altre scuole, biblioteca, musei, botteghe artigiane, chiese, il paese, la città, ecc.);
- con quella naturale (il mondo vegetale e animale, prati, boschi, torrenti, mare, zone coltivate, flora e fauna, ecc.).
Per cui si darà molta importanza alle uscite didattiche e ai viaggi di istruzione sia nel territorio comunale, sia in ambienti analoghi che diversi fuori dal territorio (il bosco, il mare), al gemellaggio con altre scuole e con le stesse appartenenti allo stesso Istituto sia dello stesso che di diverso ordine, che porteranno i bambini alla scoperta sia del proprio ambiente, sia di ambienti diversi, attraverso esperienze programmate.
La programmazione delle uscite sarà caratterizzata da:
- una adeguata impostazione metodologica prima della partenza, nella quale verranno precisati gli obiettivi e gli strumenti necessari per conquistarli;
- da una razionale distribuzione dei compiti (osservazione, raccolta dei materiali: foglie, frutti, sassi, legni, foto);
- dalla registrazione ed infine dall’archiviazione del materiale raccolto o prodotto successivamente a scuola.
L’esperienza educativa dovrà pertanto essere esplorativa, interattiva, incentrata sull’attività del bambino che agisce, opera, esplora la realtà, si cimenta con se stesso, con gli altri, con le cose, con la cultura.
Il filo conduttore metodologico di tutte queste attività sarà il gioco, inteso come riserva privilegiata di apprendimento e di relazioni, la valorizzazione dell’esplorazione e della ricerca, stimolando la curiosità, la capacità di osservazione, di riflessione e di formulare ipotesi, ponendo problemi e
verificando le soluzioni, privilegiando il movimento, il “fai da te” e la creatività ed evitando la rigida trasmissione di contenuti.
Le strategie messe in atto sono finalizzate a:
- valorizzare le potenzialità di ogni bambino;
- valorizzare le differenze;
- rafforzare le capacità di iniziativa di ognuno;
- rafforzare il senso di responsabilità e di appartenenza al gruppo;
- rafforzare l’ autostima.
Le Insegnanti qualche giorno prima dell’ingresso dei bambini a scuola, anche in previsione dell’accoglienza, dedicheranno particolare cura alla predisposizione dell’ambiente scolastico, inteso come spazio organizzato, articolato, attraente. Lo spazio offrirà al bambino il senso della continuità, della coerenza, della flessibilità e varietà per grandezza, percorrenza e tipo di attrezzature. Il clima gioioso e l’ambiente accogliente, ordinato, vario, disponibile e ricco di stimoli, permetterà ai bambini di operare liberamente, sviluppando il senso sociale, i rapporti di amicizia, la comprensione reciproca, la tolleranza e la solidarietà.
Il gruppo sarà considerato come dimensione per apprendere e comunicare; a seconda delle attività l’organizzazione sarà per: gruppo-sezione, piccolo gruppo, gruppo di età, gruppo di livello di competenza, gruppo di interesse, per coppie e di lavoro individuale. L’alternanza di gruppo età e gruppo misto garantirà il bisogno di stabilità e di continuità affettivo-emotivo, ma anche di confronto con bambini di età diversa.
Le Insegnanti realizzeranno la flessibilità oraria con eventuali ore aggiuntive di insegnamento e non, per potenziare la compresenza nella realizzazione di: progetti, laboratori, feste, incontri, gemellaggi, gite, visite guidate, ecc. nel rispetto della scansione dei tempi scolastici: della giornata, della settimana, del mese e dell’anno, che dipenderà dalle esigenze di relazione e di apprendimento del bambino e che rispetterà il suo equilibrio psicofisico.
Le Unità di Lavoro non saranno da intendersi rigide ma come un insieme di percorsi complessi e intrecciati, coerenti con la motivazione del piano educativo e con gli interessi e le motivazioni dei bambini. Tali percorsi saranno estremamente aperti e flessibili, in grado di modularsi costantemente sui tempi, sui ritmi, sugli stili e sulle strategie di apprendimento dei bambini e di sfruttare, se opportuno, il nuovo e l’imprevisto come occasione per creare vari itinerari. Si distribuiranno in maniera ordinata una serie di opportunità educative, in modo da garantire un sereno alternarsi di proposte che richiederanno una diversa intensità d’impegno. Si utilizzeranno materiali vari, strutturati e non, strumenti specifici,materiali di recupero, cianfrusaglie, con i quali i bambini svolgeranno giochi liberi e guidati, ricerche e scoperte intuitive, relative a leggi fisiche, ecc.
INDICAZIONI NAZIONALI
L’ambiente di apprendimento
Il curricolo della scuola dell’infanzia non coincide con la sola organizzazione delle attività didattiche che si realizzano nella sezione e nelle intersezioni, negli spazi esterni, nei laboratori, negli ambienti di vita comune, ma si esplica in un’equilibrata integrazione di momenti di cura, di relazione, di apprendimento, dove le stesse routine (l’ingresso, il pasto, la cura del corpo, il riposo, ecc.) svolgono una funzione di regolazione dei ritmi della giornata e si offrono come “base sicura” per nuove esperienze e nuove sollecitazioni.
L’apprendimento avviene attraverso l’azione, l’esplorazione, il contatto con gli oggetti, la natura, l’arte, il territorio, in una dimensione ludica, da intendersi come forma tipica di relazione e di conoscenza. Nel gioco, particolarmente in quello simbolico, i bambini si esprimono, raccontano, rielaborano in modo creativo le esperienze personali e sociali. Nella relazione educativa, gli insegnanti svolgono una funzione di mediazione e di facilitazione e, nel fare propria la ricerca dei bambini, li aiutano a pensare e a riflettere meglio, sollecitandoli a osservare, descrivere, narrare, fare ipotesi, dare e chiedere spiegazioni in contesti cooperativi e di confronto diffuso.
I campi di esperienza
Gli insegnanti accolgono, valorizzano ed estendono le curiosità, le esplorazioni, le proposte dei bambini e creano occasioni di apprendimento per favorire l’organizzazione di ciò che i bambini vanno scoprendo.
IL SÉ E L’ALTRO
Traguardi per lo sviluppo della competenza
Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini.
Sviluppa il senso dell’identità personale, percepisce le proprie esigenze e i propri sentimenti, sa esprimerli in modo sempre più adeguato.
Sa di avere una storia personale e familiare, conosce le tradizioni della famiglia, della comunità e le mette a confronto con altre.
Riflette, si confronta, discute con gli adulti e con gli altri bambini e comincia e riconoscere la reciprocità di attenzione tra chi parla e chi ascolta.
Pone domande sui temi esistenziali e religiosi, sulle diversità culturali, su ciò che è bene o male, sulla giustizia, e ha raggiunto una prima consapevolezza dei propri diritti e doveri, delle regole del vivere insieme.
Si orienta nelle prime generalizzazioni di passato, presente, futuro e si muove con crescente sicurezza e autonomia negli spazi che gli sono familiari, modulando progressivamente voce e movimento anche in rapporto con gli altri e con le regole condivise.
Riconosce i più importanti segni della sua cultura e del territorio, le istituzioni, i servizi pubblici, il funzionamento delle piccole comunità e della città.
IL CORPO E IL MOVIMENTO
Traguardi per lo sviluppo della competenza
Il bambino vive pienamente la propria corporeità, ne percepisce il potenziale comunicativo ed espressivo, matura condotte che gli consentono una buona autonomia nella gestione della giornata a scuola.
Riconosce i segnali e i ritmi del proprio corpo, le differenze sessuali e di sviluppo e adotta pratiche corrette di cura di sé, di igiene e di sana alimentazione.
Prova piacere nel movimento e sperimenta schemi posturali e motori, li applica nei giochi individuali e di gruppo, anche con l’uso di piccoli attrezzi ed è in grado di adattarli alle situazioni ambientali all’interno della scuola e all’aperto.
Controlla l’esecuzione del gesto, valuta il rischio, interagisce con gli altri nei giochi di movimento, nella danza, nella comunicazione espressiva.
Riconosce il proprio corpo, le sue diverse parti e rappresenta il corpo fermo e in movimento.
IMMAGINI,SUONI,COLORI
Traguardi per lo sviluppo della competenza
Il bambino comunica, esprime emozioni, racconta, utilizzando le varie possibilità che il linguaggio del corpo consente.
Inventa storie e sa esprimerle attraverso la drammatizzazione, il disegno, la pittura e altre attività manipolative; utilizza materiali e strumenti, tecniche espressive e creative; esplora le potenzialità offerte dalle tecnologie.
Segue con curiosità e piacere spettacoli di vario tipo (teatrali, musicali, visivi, di animazione …); sviluppa interesse per l’ascolto della musica e per la fruizione di opere d’arte.
Scopre il paesaggio sonoro attraverso attività di percezione e produzione musicale utilizzando voce,corpo e oggetti.
Sperimenta e combina elementi musicali di base, producendo semplici sequenze sonoro-musicali.
Esplora i primi alfabeti musicali, utilizzando anche i simboli di una notazione informale per codificare i suoni percepiti e riprodurli.
I DISCORSI E LE PAROLE
Traguardi per lo sviluppo della competenza
Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati.
Sa esprimere e comunicare agli altri emozioni, sentimenti, argomentazioni attraverso il linguaggio verbale che utilizza in differenti situazioni comunicative.
Sperimenta rime, filastrocche, drammatizzazioni; inventa nuove parole, cerca somiglianze e analogie tra i suoni e i significati.
Ascolta e comprende narrazioni, racconta e inventa storie, chiede e offre spiegazioni, usa il linguaggio per progettare attività e per definirne regole.
Ragiona sulla lingua, scopre la presenza di lingue diverse, riconosce e sperimenta la pluralità dei linguaggi, si misura con la creatività e la fantasia.
Si avvicina alla lingua scritta, esplora e sperimenta prime forme di comunicazione attraverso la scrittura, incontrando anche le tecnologie digitali e i nuovi media.
LA CONOSCENZA DEL MONDO
Traguardi per lo sviluppo della competenza
Il bambino raggruppa e ordina oggetti e materiali secondo criteri diversi, ne identifica alcune proprietà, confronta e valuta quantità; utilizza simboli per registrarle; esegue misurazioni usando strumenti alla sua portata.
Sa collocare le azioni quotidiane nel tempo della giornata e della settimana.
Riferisce correttamente eventi del passato recente; sa dire cosa potrà succedere in un futuro immediato e prossimo.
Osserva con attenzione il suo corpo, gli organismi viventi e i loro ambienti, i fenomeni naturali, accorgendosi dei loro cambiamenti.
Si interessa a macchine e strumenti tecnologici, sa scoprirne le funzioni e i possibili usi.
Ha familiarità sia con le strategie del contare e dell’operare con i numeri sia con quelle necessarie per eseguire le prime misurazioni di lunghezze, pesi, e altre quantità.
Individua le posizioni di oggetti e persone nello spazio, usando termini come avanti/dietro, sopra/sotto, destra/sinistra, ecc; segue correttamente un percorso sulla base di indicazioni verbali.
Dalla scuola dell’infanzia alla scuola primaria
Ogni campo di esperienza offre specifiche opportunità di apprendimento, ma contribuisce allo stesso tempo a realizzare i compiti di sviluppo pensati unitariamente per i bambini dai tre ai sei anni, in termini di identità (costruzione del sé, autostima, fiducia nei propri mezzi), di autonomia (rapporto sempre più consapevole con gli altri), di competenza (come elaborazione di conoscenze, abilità, atteggiamenti), di cittadinanza (come attenzione alle dimensioni etiche e sociali).
Al termine del percorso triennale della scuola dell’infanzia, è ragionevole attendersi che ogni bambino abbia sviluppato alcune competenze di base che strutturano la sua crescita personale.
Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d’animo propri e altrui.
Ha un positivo rapporto con la propria corporeità, ha maturato una sufficiente fiducia in sé, è progressivamente consapevole delle proprie risorse e dei propri limiti, quando occorre sa chiedere aiuto.
Manifesta curiosità e voglia di sperimentare, interagisce con le cose, l’ambiente e le persone, percependone le reazioni ed i cambiamenti.
Condivide esperienze e giochi, utilizza materiali e risorse comuni, affronta gradualmente i conflitti e ha iniziato a riconoscere le regole del comportamento nei contesti privati e pubblici.
Ha sviluppato l’attitudine a porre e a porsi domande di senso su questioni etiche e morali.
Coglie diversi punti di vista, riflette e negozia significati, utilizza gli errori come fonte di conoscenza.
Sa raccontare, narrare, descrivere situazioni ed esperienze vissute, comunica e si esprime con una pluralità di linguaggi, utilizza con sempre maggiore proprietà la lingua italiana.
Padroneggia prime abilità di tipo logico, inizia ad interiorizzare le coordinate spazio-temporali e ad orientarsi nel mondo dei simboli, delle rappresentazioni, dei media, delle tecnologie.
Rileva le caratteristiche principali di eventi, oggetti, situazioni, formula ipotesi, ricerca soluzioni a situazioni problematiche di vita quotidiana.
È attento alle consegne, si appassiona, porta a termine il lavoro, diventa consapevole dei processi realizzati e li documenta.
Si esprime in modo personale, con creatività e partecipazione, è sensibile alla pluralità di culture, lingue, esperienze.
Educazione Religiosa
Le attività in ordine all’insegnamento della Religione Cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono occasioni per lo sviluppo integrale della personalità dei bambini, aprendo alla dimensione religiosa e valorizzandola, promuovendo la riflessione sul loro patrimonio di esperienze e contribuendo a rispondere al bisogno di significato di cui anch’essi sono portatori. Per favorire la loro maturazione personale, nella sua globalità, i traguardi relativi all’Irc sono attribuiti nei vari campi di esperienza.
1. Il se’ e l’altro
Scopre nei racconti del Vangelo; apprende che Dio è Padre e che la Chiesa è comunità; sviluppa un positivo senso di sé; sperimenta relazioni serene con gli altri.
2. Il corpo in movimento
Riconosce nei segni del corpo l’esperienza religiosa; manifesta attraverso segni la propria interiorità; l’immaginazione e le emozioni.
3. Linguaggi, creatività, espressione
Riconosce alcuni linguaggi simbolici e figurativi, esprime con creatività il proprio vissuto religioso.
4. I discorsi e le parole
Impara alcuni termini del linguaggio cristiano, sa narrare i contenuti riutilizzando i linguaggi appresi; sviluppa una comunicazione significativa anche in ambito religioso.
5. La conoscenza del mondo
Osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo; sviluppa sentimenti e atteggiamenti di responsabilità, fiducia e speranza nei confronti della realtà.
Integrazione alunni stranieri e dei soggetti diversamente abili
Allo scopo di favorire la frequenza e l’integrazione scolastica di alunni stranieri, la scuola si impegna a realizzare iniziative volte a:
- creare un clima di accoglienza tale da ridurre al minimo, nel bambino la percezione di sé come minoranza;
- facilitare l’apprendimento linguistico;
- inserire giochi, racconti, canti, danze e approfondimenti religiosi riguardanti i paesi di provenienza per valorizzare le radici culturali.
La presenza nella scuola di alunni stranieri rappresenta una occasione importante per favorire, anche nell’ambito sociale, fra adulti e bambini la diffusione dei valori di tolleranza e solidarietà.
Il problema dell’integrazione scolastica dei soggetti diversamente abili occupa uno spazio molto importante e la nostra scuola vuole essere, per gli alunni e per i genitori, un sostegno concreto. Il piano annuale di integrazione vedrà coinvolto tutto il personale scolastico, insegnanti e non, in collaborazione con altre persone esterne per programmare linee operative d’intervento.
Verifica e valutazione
L’intervento delle insegnanti sarà costante e aiuterà il bambino a prendere coscienza di se stesso e delle sue risorse. Il primo periodo dell’anno sarà dedicato a favorire l’ambientamento e l’inserimento degli alunni in maniera serena e allo svolgimento delle attività volte a favorire l’ osservazione per conoscerne la storia e valutare il livello d’ingresso. Per coloro verrà compilato da parte dei genitori un questionario conoscitivo. Saranno predisposti strumenti adeguati di rilevazione e registrazione di tutti i dati che possono fornire un quadro delle problematiche presenti e delle relazioni esistenti. Si procederà a verificare attraverso:
- osservazione sistematica e non (comportamento verbale, motorio, logico,esponenziale,sociale);
- registrazione su griglie di verifica(comportamenti motori, sociali, verbali,ecc.)
- documentazione (elaborati, cartelloni, riprese e foto previa autorizzazione scritta dei genitori).
La valutazione si articolerà in tre momenti:
 iniziale (livelli di sviluppo)
 in itinere (sequenze didattiche)
 finale (esiti formativi).
Si compilerà uno strumento di rilevazione per ogni bambino che accerterà i requisiti posseduti, si stabiliranno dei momenti di valutazione intermedia per accertare le abilità e le competenze raggiunte e si adotterà una scheda finale che darà una visione completa dei risultati riportati. Un’attenzione particolare andrà ai bambini “anticipatari”, nei quali si osserverà lo sviluppo di ciascuno in relazione ai contesti di socializzazione e di educazione, livello che richiederà di essere osservato più che misurato. Un attento lavoro, quindi, per capire più che per valutare. I contenuti delle varie attività, per questo gruppo di bambini, verranno sviluppati in funzione degli obiettivi specifici che verranno individuati volta per volta. Il team docente avrà, inoltre, momenti di confronto per scambi di esperienze che consentiranno di migliorare e di apportare eventuali modifiche al piano di lavoro.
La Commissione Valutazione/Autovalutazione ha elaborato delle griglie di valutazione in itinere e dei criteri di valutazione finali, divisi per campo di esperienza e per età, che le insegnanti avranno la possibilità di utilizzare al termine del percorso formativo. Per i dettagli si rimanda all'allegato sulla valutazione facente parte del POF.
PROGETTI E LABORATORI SCUOLA DELL'INFANZIA
PROGETTI E LABORATORI
PLESSI
Lingua Inglese (progetto educativo con l’ausilio di un docente interno disponibile o esperto esterno)
Desulo - Gadoni
Laboratorio Attività di teatro, musica e danza ( con personale esterno)
Aritzo-Gadoni - Desulo
Progetto “Gioco sport”
GADONI - ARITZO
Progetto di Ed. Ambientale: La Scuola nel bosco. Alla scoperta dei tesori del nostro territorio.
DESULO - ARITZO
Aspettando “ Autunno in Barbagia”
tutti
Progetto “ Tutti al lavoro per realizzare un libro”
ARITZO
Progetto di costruzione maschere tradizionali e non
GADONI
Laboratorio “ Il mio amico libro”
GADONI
Progetto : La montagna intorno a noi
GADONI
Progetto “ Impara l’arte e mettila da parte”
GADONI
Progetto : Piantiamola insieme
GADONI
USCITE / VISITE GUIDATE / VIAGGI DI ISTRUZIONE
Luoghi
Plesso
Periodo
Uscite nel territorio comunale
Tutti
Tutti i mesi
LA SCUOLA PRIMARIA
ORGANIZZAZIONE DEI PLESSI
L’orario di funzionamento della Scuola Primaria dei plessi di Desulo di Aritzo e Gadoni è di 40 ore la settimana, con ingresso alle ore 8,30 e uscita alle ore 16,30 per un totale di 8 ore giornaliere dal lunedì al venerdì. L’orario degli insegnanti è articolato su 5 giorni settimanali con un giorno libero, corrispondente al sabato.
Numeri della scuola Primaria (totale n. 193 alunni)
Scuola
N° classi
N. alunni
N. docenti
Desulo
5
101
9
(+ religione , 2 spezzoni orario uno di 11ore e l’altro di 6 ore)
Aritzo
5
64
9
(+ religione e spezzone
orario 11ore)
Gadoni
2
(entrambe pluriclassi)
25
4
(+ religione)
Come espresso nelle Nuove Indicazioni Nazionali, i bambini che entrano nella Scuola Primaria hanno già maturato in famiglia, nei rapporti con gli altri e con il mondo, nella scuola dell’infanzia concettualizzazioni intuitive, parziali e generali, che impiegano per spiegare tutti i fenomeni che incontrano, anche quelli più complessi, elaborando anche una loro visione del mondo e della vita. La Scuola Primaria si propone, anzitutto, di apprezzare questo patrimonio conoscitivo, valoriale e comportamentale ereditato dal fanciullo, e di dedicare particolare attenzione alla sua considerazione, esplorazione e discussione comune. Coinvolgendo la famiglia e nel rispetto della coscienza morale e civile di ciascuno, mira, inoltre, a far esplicitare ai fanciulli l’implicito e lo scontato presente nel patrimonio di visioni, teorie e pratiche che ha accumulato, e ad assumere consapevolmente queste ultime, insieme ai valori che contengono, in armonia con la Costituzione della Repubblica Italiana.
La Scuola Primaria favorisce l'acquisizione, da parte dell'alunno, della lingua italiana, di una lingua comunitaria, l’inglese, (valorizzando, ove possibile, l’ uso dell’eventuale lingua madre diversa dall’italiano), l’acquisizione delle varie modalità espressive di natura artistico-musicale, dell'approccio scientifico e tecnico, delle coordinate storiche, geografiche ed organizzative della vita umana e della Convivenza civile.
Traguardi trasversali di fine ciclo riferiti agli alunni
Abilità sociali:
Uso dei materiali, gestione del banco, ascolto e concentrazione, lavoro di coppia, comunicazione tra compagni , con l’ insegnante e con gli adulti.
Studio individuale:
modalità di studio: sottolineatura, parole chiave, titolazione, schema , mappa concettuale, …;
modalità di ascolto/attenzione: comprendere le consegne, utilizzare conoscenze pregresse, mettere in pratica strategie di apprendimento,…
Saperi disciplinari:
comprensione del loro valore formativo, individuazione delle parole chiave di ogni disciplina;
prime modalità di costruzione del pensiero: ipotetico – deduttivo, intuitivo, argomentativi, creativo, probabilistico;
Saperi di cittadinanza: prime consapevolezze sulle regole di convivenza, sull’organizzazione della società, sull’esistenza di culture.
INDICAZIONI NAZIONALI
Obiettivi di apprendimento
Le scuole sono chiamate all’elaborazione dei curricoli di studio, tenendo conto delle nuove Indicazioni, secondo una metodologia operativa di studio e di approfondimento, accompagnata da flessibilità e gradualità di applicazione.
ITALIANO
Lo sviluppo di competenze linguistiche ampie e sicure è una condizione indispensabile per la crescita della persona e per l’esercizio pieno della cittadinanza, per l’accesso critico a tutti gli ambiti culturali e per il raggiungimento del successo scolastico in ogni settore di studio. Per realizzare queste finalità estese e trasversali, è necessario che l’apprendimento della lingua sia oggetto di specifiche attenzioni da parte di tutti i docenti, che in questa prospettiva coordineranno le loro attività.
Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola primaria
Ascolto e parlato
– Prendere la parola negli scambi comunicativi (dialogo, conversazione, discussione) rispettando i turni di parola.
– Comprendere l’argomento e le informazioni principali di discorsi affrontati in classe.
– Ascoltare testi narrativi ed espositivi mostrando di saperne cogliere il senso globale e riesporli in modo comprensibile a chi ascolta.
– Comprendere e dare semplici istruzioni su un gioco o un’attività conosciuta.
– Raccontare storie personali o fantastiche rispettando l’ordine cronologico ed esplicitando le informazioni necessarie perché il racconto sia chiaro per chi ascolta.
– Ricostruire verbalmente le fasi di un’esperienza vissuta a scuola o in altri contesti.
Lettura
– Padroneggiare la lettura strumentale (di decifrazione) sia nella modalità ad alta voce, curandone l’espressione, sia in quella silenziosa.
– Prevedere il contenuto di un testo semplice in base ad alcuni elementi come il titolo e le immagini; comprendere il significato di parole non note in base al testo.
– Leggere testi (narrativi, descrittivi, informativi) cogliendo l’argomento di cui si parla e individuando le informazioni principali e le loro relazioni.
– Comprendere testi di tipo diverso, continui e non continui, in vista di scopi pratici, di intrattenimento e di svago.
– Leggere semplici e brevi testi letterari, sia poetici sia narrativi, mostrando di saperne cogliere il senso globale.
– Leggere semplici testi di divulgazione per ricavarne informazioni utili ad ampliare conoscenze su temi noti.
Scrittura
– Acquisire le capacità manuali, percettive e cognitive necessarie per l’apprendimento della scrittura.
– Scrivere sotto dettatura curando in modo particolare l’ortografia.
– Produrre semplici testi funzionali, narrativi e descrittivi legati a scopi concreti (per utilità personale, per comunicare con altri, per ricordare, ecc.) e connessi con situazioni quotidiane (contesto scolastico e/o familiare).
– Comunicare con frasi semplici e compiute, strutturate in brevi testi che rispettino le convenzioni ortografiche e di interpunzione.
Acquisizione ed espansione del lessico ricettivo e produttivo
– Comprendere in brevi testi il significato di parole non note basandosi sia sul contesto sia sulla conoscenza intuitiva delle famiglie di parole.
– Ampliare il patrimonio lessicale attraverso esperienze scolastiche ed extrascolastiche e attività di interazione orale e di lettura.
– Usare in modo appropriato le parole man mano apprese.
– Effettuare semplici ricerche su parole ed espressioni presenti nei testi, per ampliare il lessico d’uso.
Elementi di grammatica esplicita e riflessione sugli usi della lingua
– Confrontare testi per coglierne alcune caratteristiche specifiche (ad es. maggiore o minore efficacia comunicativa, differenze tra testo orale e testo scritto, ecc.).
– Riconoscere se una frase è o no completa, costituita cioè dagli elementi essenziali (soggetto, verbo,complementi necessari).
– Prestare attenzione alla grafia delle parole nei testi e applicare le conoscenze ortografiche nella propria produzione scritta.
Obiettivi di apprendimento al termine della classe quinta della scuola primaria
Ascolto e parlato
– Interagire in modo collaborativo in una conversazione, in una discussione, in un dialogo su argomenti di esperienza diretta, formulando domande, dando risposte e fornendo spiegazioni ed esempi.
– Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un’esposizione (diretta o trasmessa); comprendere lo scopo e l’argomento di messaggi trasmessi dai media (annunci, bollettini ...).
– Formulare domande precise e pertinenti di spiegazione e di approfondimento durante o dopo l’ascolto.
– Comprendere consegne e istruzioni per l’esecuzione di attività scolastiche ed extrascolastiche.
– Cogliere in una discussione le posizioni espresse dai compagni ed esprimere la propria opinione su un argomento in modo chiaro e pertinente.
– Raccontare esperienze personali o storie inventate organizzando il racconto in modo chiaro, rispettando l’ordine cronologico e logico e inserendo gli opportuni elementi descrittivi e informativi.
– Organizzare un semplice discorso orale su un tema affrontato in classe con un breve intervento preparato in precedenza o un’esposizione su un argomento di studio utilizzando una scaletta.
Lettura
– Impiegare tecniche di lettura silenziosa e di lettura espressiva ad alta voce.
– Usare, nella lettura di vari tipi di testo, opportune strategie per analizzare il contenuto; porsi domande all’inizio e durante la lettura del testo; cogliere indizi utili a risolvere i nodi della comprensione.
– Sfruttare le informazioni della titolazione, delle immagini e delle didascalie per farsi un’idea del testo che si intende leggere.
– Leggere e confrontare informazioni provenienti da testi diversi per farsi un’idea di un argomento, per trovare spunti a partire dai quali parlare o scrivere.
– Ricercare informazioni in testi di diversa natura e provenienza (compresi moduli, orari, grafici, mappe ecc.) per scopi pratici o conoscitivi, applicando tecniche di supporto alla comprensione (quali, ad esempio, sottolineare, annotare informazioni, costruire mappe e schemi ecc.).
– Seguire istruzioni scritte per realizzare prodotti, per regolare comportamenti, per svolgere un’attività,per realizzare un procedimento.
– Leggere testi narrativi e descrittivi, sia realistici sia fantastici, distinguendo l’invenzione letteraria dalla realtà.
– Leggere testi letterari narrativi, in lingua italiana contemporanea, e semplici testi poetici cogliendone il senso, le caratteristiche formali più evidenti, l’intenzione comunicativa dell’autore ed esprimendo un motivato parere personale.
Scrittura
– Raccogliere le idee, organizzarle per punti, pianificare la traccia di un racconto o di un’esperienza.
– Produrre racconti scritti di esperienze personali o vissute da altri che contengano le informazioni essenziali relative a persone, luoghi, tempi, situazioni, azioni.
– Scrivere lettere indirizzate a destinatari noti, lettere aperte o brevi articoli di cronaca per il giornalino scolastico o per il sito web della scuola, adeguando il testo ai destinatari e alle situazioni.
– Esprimere per iscritto esperienze, emozioni, stati d’animo sotto forma di diario.
– Rielaborare testi (ad esempio: parafrasare o riassumere un testo, trasformarlo, completarlo) e redigerne di nuovi, anche utilizzando programmi di videoscrittura.
– Scrivere semplici testi regolativi o progetti schematici per l’esecuzione di attività (ad esempio: regole di gioco, ricette, ecc.).
– Realizzare testi collettivi per relazionare su esperienze scolastiche e argomenti di studio.
– Produrre testi creativi sulla base di modelli dati (filastrocche, racconti brevi, poesie).
– Sperimentare liberamente, anche con l’utilizzo del computer, diverse forme di scrittura, adattando il lessico, la struttura del testo, l’impaginazione, le soluzioni grafiche alla forma testuale scelta e integrando eventualmente il testo verbale con materiali multimediali.
– Produrre testi sostanzialmente corretti dal punto di vista ortografico, morfosintattico, lessicale, rispettando le funzioni sintattiche dei principali segni interpuntivi.
Acquisizione ed espansione del lessico ricettivo e produttivo
– Comprendere ed utilizzare in modo appropriato il lessico di base (parole del vocabolario fondamentale e di quello ad alto uso).
– Arricchire il patrimonio lessicale attraverso attività comunicative orali, di lettura e di scrittura e attivando la conoscenza delle principali relazioni di significato tra le parole (somiglianze, differenze, appartenenza a un campo semantico).
– Comprendere che le parole hanno diverse accezioni e individuare l’accezione specifica di una parola in un testo.
– Comprendere, nei casi più semplici e frequenti, l’uso e il significato figurato delle parole.
– Comprendere e utilizzare parole e termini specifici legati alle discipline di studio.
– Utilizzare il dizionario come strumento di consultazione.
Elementi di grammatica esplicita e riflessione sugli usi della lingua
– Relativamente a testi o in situazioni di esperienza diretta, riconoscere la variabilità della lingua nel tempo e nello spazio geografico, sociale e comunicativo.
– Conoscere i principali meccanismi di formazione delle parole (parole semplici, derivate, composte).
– Comprendere le principali relazioni di significato tra le parole (somiglianze, differenze, appartenenza a un campo semantico).
– Riconoscere la struttura del nucleo della frase semplice (la cosiddetta frase minima): predicato, soggetto, altri elementi richiesti dal verbo.
– Riconoscere in una frase o in un testo le parti del discorso, o categorie lessicali, riconoscerne i principali tratti grammaticali; riconoscere le congiunzioni di uso più frequente (come e, ma, infatti, perché, quando)
– Conoscere le fondamentali convenzioni ortografiche e servirsi di questa conoscenza per rivedere la propria produzione scritta e correggere eventuali errori.
Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria
- L’allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti rispettando il turno e formulando messaggi chiari e pertinenti, in un registro il più possibile adeguato alla situazione.
- Ascolta e comprende testi orali "diretti" o "trasmessi" dai media cogliendone il senso, le informazioni principali e lo scopo.
- Legge e comprende testi di vario tipo, continui e non continui, ne individua il senso globale e le informazioni principali, utilizzando strategie di lettura adeguate agli scopi.
- Utilizza abilità funzionali allo studio: individua nei testi scritti informazioni utili per l’apprendimento di un argomento dato e le mette in relazione; le sintetizza, in funzione anche dell’esposizione orale; acquisisce un primo nucleo di terminologia specifica.
- Legge testi di vario genere facenti parte della letteratura per l’infanzia, sia a voce alta sia in lettura silenziosa e autonoma e formula su di essi giudizi personali.
- Scrive testi corretti nell’ortografia, chiari e coerenti, legati all’esperienza e alle diverse occasioni di scrittura che la scuola offre; rielabora testi parafrasandoli, completandoli, trasformandoli.
- Capisce e utilizza nell’uso orale e scritto i vocaboli fondamentali e quelli di alto uso; capisce e utilizza i più frequenti termini specifici legati alle discipline di studio.
- Riflette sui testi propri e altrui per cogliere regolarità morfosintattiche e caratteristiche del lessico; riconosce che le diverse scelte linguistiche sono correlate alla varietà di situazioni comunicative.
- È consapevole che nella comunicazione sono usate varietà diverse di lingua e lingue differenti (plurilinguismo).
- Padroneggia e applica in situazioni diverse le conoscenze fondamentali relative all’organizzazione logico-sintattica della frase semplice, alle parti del discorso (o categorie lessicali) e ai principali connettivi.
LINGUA INGLESE
Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola primaria
Ascolto (comprensione orale)
– Comprendere vocaboli, istruzioni, espressioni e frasi di uso quotidiano, pronunciati chiaramente e lentamente relativi a se stesso, ai compagni, alla famiglia.
Parlato (produzione e interazione orale)
– Produrre frasi significative riferite ad oggetti, luoghi, persone, situazioni note.
– Interagire con un compagno per presentarsi e/o giocare, utilizzando espressioni e frasi memorizzate adatte alla situazione.
Lettura (comprensione scritta)
– Comprendere cartoline, biglietti e brevi messaggi, accompagnati preferibilmente da supporti visivi o sonori, cogliendo parole e frasi già acquisite a livello orale.
Scrittura (produzione scritta)
– Scrivere parole e semplici frasi di uso quotidiano attinenti alle attività svolte in classe e ad interessi personali e del gruppo.
Obiettivi di apprendimento al termine della classe quinta della scuola primaria
Ascolto (comprensione orale)
– Comprendere brevi dialoghi, istruzioni, espressioni e frasi di uso quotidiano se pronunciate chiaramente e identificare il tema generale di un discorso in cui si parla di argomenti conosciuti.
– Comprendere brevi testi multimediali identificandone parole chiave e il senso generale.
Parlato (produzione e interazione orale)
– Descrivere persone, luoghi e oggetti familiari utilizzando parole e frasi già incontrate ascoltando e/o leggendo.
– Riferire semplici informazioni afferenti alla sfera personale, integrando il significato di ciò che si dice con mimica e gesti.
– Interagire in modo comprensibile con un compagno o un adulto con cui si ha familiarità, utilizzando espressioni e frasi adatte alla situazione.
Lettura (comprensione scritta)
– Leggere e comprendere brevi e semplici testi, accompagnati preferibilmente da supporti visivi, cogliendo il loro significato globale e identificando parole e frasi familiari.
Scrittura (produzione scritta)
– Scrivere in forma comprensibile messaggi semplici e brevi per presentarsi, per fare gli auguri, per ringraziare o invitare qualcuno, per chiedere o dare notizie, ecc.
Riflessione sulla lingua e sull’apprendimento
– Osservare coppie di parole simili come suono e distinguerne il significato.
– Osservare parole ed espressioni nei contesti d’uso e coglierne i rapporti di significato.
– Osservare la struttura delle frasi e mettere in relazione costrutti e intenzioni comunicative.
– Riconoscere che cosa si è imparato e che cosa si deve imparare
Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria per la lingua inglese
(I traguardi sono riconducibili al Livello A1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue del Consiglio d’Europa)
- L’alunno comprende brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari.
- Descrive oralmente e per iscritto, in modo semplice, aspetti del proprio vissuto e del proprio ambiente ed elementi che si riferiscono a bisogni immediati.
- Interagisce nel gioco; comunica in modo comprensibile, anche con espressioni e frasi memorizzate, in scambi di informazioni semplici e di routine.
- Svolge i compiti secondo le indicazioni date in lingua straniera dall’insegnante, chiedendo eventualmente spiegazioni.
- Individua alcuni elementi culturali e coglie rapporti tra forme linguistiche e usi della lingua straniera.
STORIA
Una più sistematica strutturazione cronologica delle conoscenze storiche sarà distribuita lungo tutto l’arco del primo ciclo d’istruzione.
In particolare alla scuola primaria sono assegnate le conoscenze storiche che riguardano il periodo compreso dalla comparsa dell’uomo alla tarda antichità.
alla scuola secondaria le conoscenze che riguardano il periodo compreso dalla tarda antichità agli inizi del XXI secolo .
L’ultimo anno della scuola secondaria di primo grado viene dedicato allo studio della storia del Novecento.
Storia sarda nella scuola italiana ( a partire dalla classe 3 della scuola primaria)
Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola primaria
Uso delle fonti
– Individuare le tracce e usarle come fonti per produrre conoscenze sul proprio passato, della generazione degli adulti e della comunità di appartenenza.
– Ricavare da fonti di tipo diverso informazioni e conoscenze su aspetti del passato.
Organizzazione delle informazioni
– Rappresentare graficamente e verbalmente le attività, i fatti vissuti e narrati.
– Riconoscere relazioni di successione e di contemporaneità, durate, periodi, cicli temporali, mutamenti, in fenomeni ed esperienze vissute e narrate.
– Comprendere la funzione e l’uso degli strumenti convenzionali per la misurazione e la rappresentazione del tempo (orologio, calendario, linea temporale …).
Strumenti concettuali
– Seguire e comprendere vicende storiche attraverso l’ascolto o lettura di testi dell’antichità, di storie,racconti, biografie di grandi del passato.
– Organizzare le conoscenze acquisite in semplici schemi temporali.
– Individuare analogie e differenze attraverso il confronto tra quadri storico-sociali diversi, lontani nello spazio e nel tempo.
Produzione scritta e orale
– Rappresentare conoscenze e concetti appresi mediante grafismi, disegni, testi scritti e con risorse digitali.
– Riferire in modo semplice e coerente le conoscenze acquisite.
Obiettivi di apprendimento al termine della classe quinta della scuola primaria
Uso delle fonti
– Produrre informazioni con fonti di diversa natura utili alla ricostruzione di un fenomeno storico.
– Rappresentare, in un quadro storico-sociale, le informazioni che scaturiscono dalle tracce del passato presenti sul territorio vissuto.
Organizzazione delle informazioni
– Leggere una carta storico-geografica relativa alle civiltà studiate.
– Usare cronologie e carte storico-geografiche per rappresentare le conoscenze.
– Confrontare i quadri storici delle civiltà affrontate.
Strumenti concettuali
– Usare il sistema di misura occidentale del tempo storico (avanti Cristo – dopo Cristo) e comprendere i sistemi di misura del tempo storico di altre civiltà.
– Elaborare rappresentazioni sintetiche delle società studiate, mettendo in rilievo le relazioni fra gli elementi caratterizzanti.
Produzione scritta e orale
– Confrontare aspetti caratterizzanti le diverse società studiate anche in rapporto al presente.
– Ricavare e produrre informazioni da grafici, tabelle, carte storiche, reperti iconografici e consultare testi di genere diverso, manualistici e non, cartacei e digitali.
– Esporre con coerenza conoscenze e concetti appresi, usando il linguaggio specifico della disciplina.
– Elaborare in testi orali e scritti gli argomenti studiati, anche usando risorse digitali.
Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria
- L’alunno riconosce elementi significativi del passato del suo ambiente di vita.
- Riconosce e esplora in modo via via più approfondito le tracce storiche presenti nel territorio e comprende l’importanza del patrimonio artistico e culturale.
- Usa la linea del tempo per organizzare informazioni, conoscenze, periodi e individuare successioni, contemporaneità, durate, periodizzazioni.
- Individua le relazioni tra gruppi umani e contesti spaziali.
- Organizza le informazioni e le conoscenze, tematizzando e usando le concettualizzazioni pertinenti.
- Comprende i testi storici proposti e sa individuarne le caratteristiche.
- Usa carte geo-storiche, anche con l’ausilio di strumenti informatici.
- Racconta i fatti studiati e sa produrre semplici testi storici, anche con risorse digitali.
- Comprende avvenimenti, fatti e fenomeni delle società e civiltà che hanno caratterizzato la storia dell’umanità dal paleolitico alla fine del mondo antico con possibilità di apertura e di confronto con la contemporaneità.
- Comprende aspetti fondamentali del passato dell’Italia dal paleolitico alla fine dell’impero romano d’Occidente, con possibilità di apertura e di confronto con la contemporaneità.
GEOGRAFIA
Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola primaria
Orientamento
– Muoversi consapevolmente nello spazio circostante, orientandosi attraverso punti di riferimento, utilizzando gli indicatori topologici (avanti, dietro, sinistra, destra, ecc.) e le mappe di spazi noti che si formano nella mente (carte mentali).
Linguaggio della geo-graficità
– Rappresentare in prospettiva verticale oggetti e ambienti noti (pianta dell’aula, ecc.) e tracciare percorsi effettuati nello spazio circostante.
– Leggere e interpretare la pianta dello spazio vicino.
Paesaggio
– Conoscere il territorio circostante attraverso l’approccio percettivo e l’osservazione diretta.
– Individuare e descrivere gli elementi fisici e antropici che caratterizzano i paesaggi dell’ambiente di vita della propria regione.
Regione e sistema territoriale
- Comprendere che il territorio è uno spazio organizzato e modificato dalle attività umane.
- Riconoscere, nel proprio ambiente di vita, le funzioni dei vari spazi e le loro connessioni, gli interventi positivi e negativi dell’uomo e progettare soluzioni, esercitando la cittadinanza attiva.
Obiettivi di apprendimento al termine della classe quinta della scuola primaria
Orientamento
– Orientarsi utilizzando la bussola e i punti cardinali anche in relazione al Sole.
– Estendere le proprie carte mentali al territorio italiano, all’Europa e ai diversi continenti, attraverso gli strumenti dell’osservazione indiretta (filmati e fotografie, documenti cartografici, immagini da telerilevamento, elaborazioni digitali, ecc.).
Linguaggio della geo-graficità
– Analizzare i principali caratteri fisici del territorio, fatti e fenomeni locali e globali, interpretando carte geografiche di diversa scala, carte tematiche, grafici, elaborazioni digitali, repertori statistici relativi a indicatori socio-demografici ed economici.
– Localizzare sulla carta geografica dell’Italia le regioni fisiche, storiche e amministrative; localizzare sul planisfero e sul globo la posizione dell’Italia in Europa e nel mondo.
– Localizza le regioni fisiche principali e i grandi caratteri dei diversi continenti e degli oceani.
Paesaggio
– Conoscere gli elementi che caratterizzano i principali paesaggi italiani, europei e mondiali, individuando le analogie e le differenze (anche in relazione ai quadri socio-storici del passato) e gli elementi di particolare valore ambientale e culturale da tutelare e valorizzare.
Regione e sistema territoriale
– Acquisire il concetto di regione geografica (fisica, climatica, storico-culturale, amministrativa) e utilizzarlo a partire dal contesto italiano.
– Individuare problemi relativi alla tutela e valorizzazione del patrimonio naturale e culturale, proponendo soluzioni idonee nel proprio contesto di vita.
Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria
- L’alunno si orienta nello spazio circostante e sulle carte geografiche, utilizzando riferimenti topologici e punti cardinali.
- Utilizza il linguaggio della geo-graficità per interpretare carte geografiche e globo terrestre, realizzare semplici schizzi cartografici e carte tematiche, progettare percorsi e itinerari di viaggio.
- Ricava informazioni geografiche da una pluralità di fonti (cartografiche e satellitari, tecnologie digitali, fotografiche, artistico-letterarie).
- Riconosce e denomina i principali “oggetti” geografici fisici (fiumi, monti, pianure, coste, colline, laghi,mari, oceani, ecc.)
- Individua i caratteri che connotano i paesaggi (di montagna, collina, pianura, vulcanici, ecc.) con particolare attenzione a quelli italiani, e individua analogie e differenze con i principali paesaggi europei e di altri continenti.
- Coglie nei paesaggi mondiali della storia le progressive trasformazioni operate dall’uomo sul paesaggio naturale.
- Si rende conto che lo spazio geografico è un sistema territoriale, costituito da elementi fisici e antropici legati da rapporti di connessione e/o di interdipendenza.
MATEMATICA
Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola primaria
Numeri
– Contare oggetti o eventi, a voce e mentalmente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due,tre, ...
– Leggere e scrivere i numeri naturali in notazione decimale, avendo consapevolezza della notazione posizionale; confrontarli e ordinarli, anche rappresentandoli sulla retta.
– Eseguire mentalmente semplici operazioni con i numeri naturali e verbalizzare le procedure di calcolo.
– Conoscere con sicurezza le tabelline della moltiplicazione dei numeri fino a 10. Eseguire le operazioni con i numeri naturali con gli algoritmi scritti usuali.
– Leggere, scrivere, confrontare numeri decimali, rappresentarli sulla retta ed eseguire semplici addizioni e sottrazioni, anche con riferimento alle monete o ai risultati di semplici misure.
Spazio e figure
– Percepire la propria posizione nello spazio e stimare distanze e volumi a partire dal proprio corpo.
– Comunicare la posizione di oggetti nello spazio fisico, sia rispetto al soggetto, sia rispetto ad altre persone o oggetti, usando termini adeguati (sopra/sotto, davanti/dietro, destra/sinistra, dentro/fuori).
– Eseguire un semplice percorso partendo dalla descrizione verbale o dal disegno, descrivere un percorso che si sta facendo e dare le istruzioni a qualcuno perché compia un percorso desiderato.
– Riconoscere, denominare e descrivere figure geometriche.
– Disegnare figure geometriche e costruire modelli materiali anche nello spazio.
Relazioni, dati e previsioni
– Classificare numeri, figure, oggetti in base a una o più proprietà, utilizzando rappresentazioni opportune, a seconda dei contesti e dei fini.
– Argomentare sui criteri che sono stati usati per realizzare classificazioni e ordinamenti assegnati.
– Leggere e rappresentare relazioni e dati con diagrammi, schemi e tabelle.
– Misurare grandezze (lunghezze, tempo, ecc.) utilizzando sia unità arbitrarie sia unità e strumenti convenzionali (metro, orologio, ecc.).
Obiettivi di apprendimento al termine della classe quinta della scuola primaria
Numeri
– Leggere, scrivere, confrontare numeri decimali.
– Eseguire le quattro operazioni con sicurezza, valutando l’opportunità di ricorrere al calcolo mentale, scritto o con la calcolatrice a seconda delle situazioni.
– Eseguire la divisione con resto fra numeri naturali; individuare multipli e divisori di un numero.
– Stimare il risultato di una operazione.
– Operare con le frazioni e riconoscere frazioni equivalenti.
– Utilizzare numeri decimali, frazioni e percentuali per descrivere situazioni quotidiane.
– Interpretare i numeri interi negativi in contesti concreti.
– Rappresentare i numeri conosciuti sulla retta e utilizzare scale graduate in contesti significativi per le scienze e per la tecnica.
– Conoscere sistemi di notazione dei numeri che sono o sono stati in uso in luoghi, tempi e culture diverse dalla nostra.
Spazio e figure
– Descrivere, denominare e classificare figure geometriche, identificando elementi significativi e simmetrie, anche al fine di farle riprodurre da altri.
– Riprodurre una figura in base a una descrizione, utilizzando gli strumenti opportuni (carta a quadretti, riga e compasso, squadre, software di geometria).
– Utilizzare il piano cartesiano per localizzare punti.
– Costruire e utilizzare modelli materiali nello spazio e nel piano come supporto a una prima capacità di visualizzazione.
– Riconoscere figure ruotate, traslate e riflesse.
– Confrontare e misurare angoli utilizzando proprietà e strumenti.
– Utilizzare e distinguere fra loro i concetti di perpendicolarità, parallelismo, orizzontalità, verticalità, parallelismo.
– Riprodurre in scala una figura assegnata (utilizzando, ad esempio, la carta a quadretti).
– Determinare il perimetro di una figura utilizzando le più comuni formule o altri procedimenti.
– Determinare l’area di rettangoli e triangoli e di altre figure per scomposizione o utilizzando le più comuni formule.
– Riconoscere rappresentazioni piane di oggetti tridimensionali, identificare punti di vista diversi di uno stesso oggetto (dall’alto, di fronte, ecc.).
Relazioni, dati e previsioni
– Rappresentare relazioni e dati e, in situazioni significative, utilizzare le rappresentazioni per ricavare informazioni, formulare giudizi e prendere decisioni.
– Usare le nozioni di frequenza, di moda e di media aritmetica, se adeguata alla tipologia dei dati a disposizione.
– Rappresentare problemi con tabelle e grafici che ne esprimono la struttura.
– Utilizzare le principali unità di misura per lunghezze, angoli, aree, volumi/capacità, intervalli temporali, masse, pesi per effettuare misure e stime.
– Passare da un’unità di misura a un’altra, limitatamente alle unità di uso più comune, anche nel contesto del sistema monetario.
– In situazioni concrete, di una coppia di eventi intuire e cominciare ad argomentare qual è il più probabile, dando una prima quantificazione nei casi più semplici, oppure riconoscere se si tratta di eventi ugualmente probabili.
– Riconoscere e descrivere regolarità in una sequenza di numeri o di figure.
Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria
- L’alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali e sa valutare l’opportunità di ricorrere a una calcolatrice.
- Riconosce e rappresenta forme del piano e dello spazio, relazioni e strutture che si trovano in natura o che sono state create dall’uomo.
- Descrive, denomina e classifica figure in base a caratteristiche geometriche, ne determina misure, progetta e costruisce modelli concreti di vario tipo.
- Utilizza strumenti per il disegno geometrico (riga, compasso, squadra) e i più comuni strumenti di misura (metro, goniometro...).
- Ricerca dati per ricavare informazioni e costruisce rappresentazioni (tabelle e grafici). Ricava informazioni anche da dati rappresentati in tabelle e grafici
- Riconosce e quantifica, in casi semplici, situazioni di incertezza.
- Legge e comprende testi che coinvolgono aspetti logici e matematici.
- Riesce a risolvere facili problemi in tutti gli ambiti di contenuto, mantenendo il controllo sia sul processo risolutivo, sia sui risultati. Descrive il procedimento seguito e riconosce strategie di soluzione diverse dalla propria.
- Costruisce ragionamenti formulando ipotesi, sostenendo le proprie idee e confrontandosi con il punto di vista di altri.
- Riconosce e utilizza rappresentazioni diverse di oggetti matematici (numeri decimali, frazioni, percentuali, scale di riduzione, ...).
- Sviluppa un atteggiamento positivo rispetto alla matematica, attraverso esperienze significative, che gli hanno fatto intuire come gli strumenti matematici che ha imparato ad utilizzare siano utili per operare nella realtà.
SCIENZE
Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza di scuola primaria
Esplorare e descrivere oggetti e materiali
– Individuare, attraverso l’interazione diretta, la struttura di oggetti semplici, analizzarne qualità e proprietà, descriverli nella loro unitarietà e nelle loro parti, scomporli e ricomporli, riconoscerne funzioni e modi d’uso.
– Seriare e classificare oggetti in base alle loro proprietà.
– Individuare strumenti e unità di misura appropriati alle situazioni problematiche in esame, fare misure e usare la matematica conosciuta per trattare i dati.
– Descrivere semplici fenomeni della vita quotidiana legati ai liquidi, al cibo, alle forze e al movimento, al calore, ecc.
Osservare e sperimentare sul campo
– Osservare i momenti significativi nella vita di piante e animali, realizzando allevamenti in classe di piccoli animali, semine in terrari e orti, ecc. Individuare somiglianze e differenze nei percorsi di sviluppo di organismi animali e vegetali.
– Osservare, con uscite all’esterno, le caratteristiche dei terreni e delle acque.
– Osservare e interpretare le trasformazioni ambientali naturali (ad opera del sole, di agenti atmosferici, dell’acqua, ecc.) e quelle ad opera dell’uomo (urbanizzazione, coltivazione, industrializzazione, ecc.).
– Avere familiarità con la variabilità dei fenomeni atmosferici (venti, nuvole, pioggia, ecc.) e con la periodicità dei fenomeni celesti (dì/notte, percorsi del sole, stagioni).
L’uomo i viventi e l’ambiente
- Riconoscere e descrivere le caratteristiche del proprio ambiente.
- Osservare e prestare attenzione al funzionamento del proprio corpo (fame, sete, dolore, movimento, freddo e caldo, ecc.) per riconoscerlo come organismo complesso, proponendo modelli elementari del suo funzionamento.
- Riconoscere in altri organismi viventi, in relazione con i loro ambienti, bisogni analoghi ai propri.
Obiettivi di apprendimento al termine della classe quinta della scuola primaria
Oggetti, materiali e trasformazioni
- Individuare, nell’osservazione di esperienze concrete, alcuni concetti scientifici quali: dimensioni spaziali, peso, peso specifico, forza, movimento, pressione, temperatura, calore, ecc.
- Cominciare a riconoscere regolarità nei fenomeni e a costruire in modo elementare il concetto di energia.
- Osservare, utilizzare e, quando è possibile, costruire semplici strumenti di misura: recipienti per misure di volumi/capacità, bilance a molla, ecc.) imparando a servirsi di unità convenzionali.
- Individuare le proprietà di alcuni materiali come, ad esempio: la durezza, il peso, l’elasticità, la trasparenza, la densità, ecc.; realizzare sperimentalmente semplici soluzioni in acqua (acqua e zucchero,acqua e inchiostro, ecc).
- Osservare e schematizzare alcuni passaggi di stato, costruendo semplici modelli interpretativi e provando ad esprimere in forma grafica le relazioni tra variabili individuate (temperatura in funzione del tempo, ecc.).
Osservare e sperimentare sul campo
- Proseguire nelle osservazioni frequenti e regolari, a occhio nudo o con appropriati strumenti, con i compagni e autonomamente, di una porzione di ambiente vicino; individuare gli elementi che lo caratterizzano e i loro cambiamenti nel tempo.
- Conoscere la struttura del suolo sperimentando con rocce, sassi e terricci; osservare le caratteristiche dell’acqua e il suo ruolo nell’ambiente.
- Ricostruire e interpretare il movimento dei diversi oggetti celesti, rielaborandoli anche attraverso giochi col corpo.
L’uomo i viventi e l’ambiente
- Descrivere e interpretare il funzionamento del corpo come sistema complesso situato in un ambiente;
costruire modelli plausibili sul funzionamento dei diversi apparati, elaborare primi modelli intuitivi di struttura cellulare.
- Avere cura della propria salute anche dal punto di vista alimentare e motorio. Acquisire le prime informazioni sulla riproduzione e la sessualità.
- Riconoscere, attraverso l’esperienza di coltivazioni, allevamenti, ecc. che la vita di ogni organismo è in relazione con altre e differenti forme di vita.
- Elaborare i primi elementi di classificazione animale e vegetale sulla base di osservazioni personali.
- Proseguire l’osservazione e l’interpretazione delle trasformazioni ambientali, ivi comprese quelle globali, in particolare quelle conseguenti all’azione modificatrice dell’uomo.
Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria
- L’alunno sviluppa atteggiamenti di curiosità e modi di guardare il mondo che lo stimolano a cercare spiegazioni di quello che vede succedere.
- Esplora i fenomeni con un approccio scientifico: con l’aiuto dell’insegnante, dei compagni, in modo autonomo, osserva e descrive lo svolgersi dei fatti, formula domande, anche sulla base di ipotesi personali, propone e realizza semplici esperimenti.
- Individua nei fenomeni somiglianze e differenze, fa misurazioni, registra dati significativi, identifica relazioni spazio/temporali.
- Individua aspetti quantitativi e qualitativi nei fenomeni, produce rappresentazioni grafiche e schemi di livello adeguato, elabora semplici modelli.
- Riconosce le principali caratteristiche e i modi di vivere di organismi animali e vegetali.
- Ha consapevolezza della struttura e dello sviluppo del proprio corpo, nei suoi diversi organi e apparati, ne riconosce e descrive il funzionamento, utilizzando modelli intuitivi ed ha cura della sua salute.
- Ha atteggiamenti di cura verso l’ambiente scolastico che condivide con gli altri; rispetta e apprezza il valore dell’ambiente sociale e naturale.
- Espone in forma chiara ciò che ha sperimentato, utilizzando un linguaggio appropriato.
- Trova da varie fonti (libri, internet, discorsi degli adulti, ecc.) informazioni e spiegazioni sui problemi che lo interessano.
MUSICA
Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria
- L’alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori dal punto di vista qualitativo, spaziale e in riferimento alla loro fonte.
- Esplora diverse possibilità espressive della voce, di oggetti sonori e strumenti musicali, imparando ad ascoltare se stesso e gli altri; fa uso di forme di notazione analogiche o codificate.
- Articola combinazioni timbriche, ritmiche e melodiche, applicando schemi elementari; le esegue con la voce, il corpo e gli strumenti, ivi compresi quelli della tecnologia informatica.
- Improvvisa liberamente e in modo creativo, imparando gradualmente a dominare tecniche e materiali.
- Esegue, da solo e in gruppo, semplici brani vocali o strumentali, appartenenti a generi e culture differenti, utilizzando anche strumenti didattici e auto-costruiti.
- Riconosce gli elementi costitutivi di un semplice brano musicale.
- Ascolta, interpreta e descrive brani musicali di diverso genere.
Obiettivi di apprendimento al termine della classe quinta della scuola primaria
– Utilizzare voce, strumenti e nuove tecnologie sonore in modo creativo e consapevole, ampliando con gradualità le proprie capacità di invenzione e improvvisazione sonoro-musicale.
– Eseguire collettivamente e individualmente brani vocali/strumentali anche polifonici, curando l’intonazione, l’espressività e l’interpretazione.
– Valutare aspetti funzionali ed estetici in brani musicali di vario genere e stile, in relazione al riconoscimento di culture, di tempi e luoghi diversi.
– Riconoscere e classificare gli elementi costitutivi basilari del linguaggio musicale all’interno di brani di vario genere e provenienza.
– Rappresentare gli elementi basilari di eventi sonori e musicali attraverso sistemi simbolici convenzionali e non convenzionali.
– Riconoscere gli usi, le funzioni e i contesti della musica e dei suoni nella realtà multimediale (cinema, televisione, computer).
ARTE E IMMAGINE
Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria
- L’alunno utilizza le conoscenze e le abilità relative al linguaggio visivo per produrre varie tipologie di testi visivi (espressivi, narrativi, rappresentativi e comunicativi) e rielaborare in modo creativo le immagini con molteplici tecniche, materiali e strumenti (grafico-espressivi, pittorici e plastici, ma anche audiovisivi e multimediali).
- È in grado di osservare, esplorare, descrivere e leggere immagini (opere d’arte, fotografie, manifesti,fumetti, ecc) e messaggi multimediali (spot, brevi filmati, videoclip, ecc.)
- Individua i principali aspetti formali dell’opera d’arte; apprezza le opere artistiche e artigianali provenienti da culture diverse dalla propria.
- Conosce i principali beni artistico-culturali presenti nel proprio territorio e manifesta sensibilità e rispetto per la loro salvaguardia.
Obiettivi di apprendimento al termine della classe quinta della scuola primaria
Esprimersi e comunicare
– Elaborare creativamente produzioni personali e autentiche per esprimere
sensazioni ed emozioni;
rappresentare e comunicare la realtà percepita;
– Trasformare immagini e materiali ricercando soluzioni figurative originali.
– Sperimentare strumenti e tecniche diverse per realizzare prodotti grafici, plastici, pittorici e multimediali.
– Introdurre nelle proprie produzioni creative elementi linguistici e stilistici scoperti osservando immagini e opere d’arte.
Osservare e leggere le immagini
– Guardare e osservare con consapevolezza un’immagine e gli oggetti presenti nell’ambiente descrivendo gli elementi formali, utilizzando le regole della percezione visiva e l’orientamento nello spazio.
– Riconoscere in un testo iconico-visivo gli elementi grammaticali e tecnici del linguaggio visivo (linee, colori, forme, volume, spazio) individuando il loro significato espressivo.
– Individuare nel linguaggio del fumetto, filmico e audiovisivo le diverse tipologie di codici, le sequenze narrative e decodificare in forma elementare i diversi significati.
Comprendere e apprezzare le opere d’arte
– Individuare in un’opera d’arte, sia antica che moderna, gli elementi essenziali della forma, del linguaggio, della tecnica e dello stile dell’artista per comprenderne il messaggio e la funzione.
– Familiarizzare con alcune forme di arte e di produzione artigianale appartenenti alla propria e ad altre culture.
– Riconoscere e apprezzare nel proprio territorio gli aspetti più caratteristici del patrimonio ambientale e urbanistico e i principali monumenti storico-artistici.
EDUCAZIONE FISICA
Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria
- L’alunno acquisisce consapevolezza di sé attraverso la percezione del proprio corpo e la padronanza degli schemi motori e posturali nel continuo adattamento alle variabili spaziali e temporali contingenti.
- Utilizza il linguaggio corporeo e motorio per comunicare ed esprimere i propri stati d’animo, anche attraverso la drammatizzazione e le esperienze ritmico-musicali e coreutiche.
- Sperimenta una pluralità di esperienze che permettono di maturare competenze di Gioco sport anche come orientamento alla futura pratica sportiva.
- Sperimenta, in forma semplificata e progressivamente sempre più complessa, diverse gestualità tecniche.
- Agisce rispettando i criteri base di sicurezza per sé e per gli altri, sia nel movimento che nell’uso degli attrezzi e trasferisce tale competenza nell’ambiente scolastico ed extrascolastico.
- Riconosce alcuni essenziali principi relativi al proprio benessere psico-fisico legati alla cura del proprio corpo, a un corretto regime alimentare e alla prevenzione dell’uso di sostanze che inducono dipendenza.
- Comprende, all’interno delle varie occasioni di gioco e di sport, il valore delle regole e l’importanza di rispettarle.
Obiettivi di apprendimento al termine della classe quinta della scuola primaria
Il corpo e la sua relazione con lo spazio e il tempo
– Coordinare e utilizzare diversi schemi motori combinati tra loro inizialmente in forma successiva e poi in forma simultanea (correre / saltare, afferrare / lanciare, ecc).
– Riconoscere e valutare traiettorie, distanze, ritmi esecutivi e successioni temporali delle azioni motorie, sapendo organizzare il proprio movimento nello spazio in relazione a sé, agli oggetti, agli altri.
Il linguaggio del corpo come modalità comunicativo-espressiva
– Utilizzare in forma originale e creativa modalità espressive e corporee anche attraverso forme di drammatizzazione e danza, sapendo trasmettere nel contempo contenuti emozionali.
– Elaborare ed eseguire semplici sequenze di movimento o semplici coreografie individuali e collettive.
Il gioco, lo sport, le regole e il fair play
– Conoscere e applicare correttamente modalità esecutive di diverse proposte di
giocosport.
– Saper utilizzare numerosi giochi derivanti dalla tradizione popolare applicandone indicazioni e regole.
– Partecipare attivamente alle varie forme di gioco , organizzate anche in forma di gara, collaborando con gli altri.
– Rispettare le regole nella competizione sportiva; saper accettare la sconfitta con equilibrio, e vivere la vittoria esprimendo rispetto nei confronti dei perdenti, accettando le diversità, manifestando senso di responsabilità.
Salute e benessere, prevenzione e sicurezza
– Assumere comportamenti adeguati per la prevenzione degli infortuni e per la sicurezza nei vari ambienti di vita.
– Riconoscere il rapporto tra alimentazione, ed esercizio fisico in relazione a sani stili di vita.
- Acquisire consapevolezza delle funzioni fisiologiche (cardio-respiratorie e muscolari) e dei loro cambiamenti in relazione all’esercizio fisico.
TECNOLOGIA
Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria
- L’alunno riconosce e identifica nell’ambiente che lo circonda elementi e fenomeni di tipo artificiale.
- È a conoscenza di alcuni processi di trasformazione di risorse e di consumo di energia, e del relativo impatto ambientale.
- Conosce e utilizza semplici oggetti e strumenti di uso quotidiano ed è in grado di descriverne la funzione principale e la struttura e di spiegarne il funzionamento.
- Sa ricavare informazioni utili su proprietà e caratteristiche di beni o servizi leggendo etichette, volantini o altra documentazione tecnica e commerciale.
- Si orienta tra i diversi mezzi di comunicazione ed è in grado di farne un uso adeguato a seconda delle diverse situazioni.
- Produce semplici modelli o rappresentazioni grafiche del proprio operato utilizzando elementi del disegno tecnico o strumenti multimediali.
- Inizia a riconoscere in modo critico le caratteristiche, le funzioni e i limiti della tecnologia attuale.
Obiettivi di apprendimento al termine della classe quinta della scuola primaria
Vedere e osservare
– Eseguire semplici misurazioni e rilievi fotografici sull’ambiente scolastico o sulla propria abitazione.
– Leggere e ricavare informazioni utili da guide d’uso o istruzioni di montaggio.
– Impiegare alcune regole del disegno tecnico per rappresentare semplici oggetti.
– Effettuare prove ed esperienze sulle proprietà dei materiali più comuni.
– Riconoscere e documentare le funzioni principali di una nuova applicazione informatica.
– Rappresentare i dati dell’osservazione attraverso tabelle, mappe, diagrammi, disegni, testi.
Prevedere e immaginare
– Effettuare stime approssimative su pesi o misure di oggetti dell’ambiente scolastico.
– Prevedere le conseguenze di decisioni o comportamenti personali o relative alla propria classe.
– Riconoscere i difetti di un oggetto e immaginarne possibili miglioramenti.
– Pianificare la fabbricazione di un semplice oggetto elencando gli strumenti e i materiali necessari.
– Organizzare una gita o una visita ad un museo usando internet per reperire notizie e informazioni.
Intervenire e trasformare
– Smontare semplici oggetti e meccanismi, apparecchiature obsolete o altri dispositivi comuni.
– Utilizzare semplici procedure per la selezione, la preparazione e la presentazione degli alimenti.
– Eseguire interventi di decorazione, riparazione e manutenzione sul proprio corredo scolastico.
– Realizzare un oggetto in cartoncino descrivendo e documentando la sequenza delle operazioni.
– Cercare, selezionare, scaricare e installare sul computer un comune programma di utilità.
RELIGIONE CATTOLICA
L’insegnamento della religione cattolica nella scuola italiana, in virtù del fatto che essa appartiene al patrimonio culturale, storico e umano della società italiana, permette agli studenti che liberamente se ne avvalgono, di conoscere la specificità del cristianesimo, nonché di formare pienamente la loro persona mediante il confronto con la dimensione religiosa. Le attività proposte si sviluppano attraverso un legame trasversale con tutte le altre discipline, in particolare con l’area linguistico-artistico-espressivo-, musicale e coinvolgono anche la dimensione storico-geografica; ciò consente all’alunno di ricostruire organicamente la realtà in una visione non frammentata o a blocchi isolati, bensì unitaria. Promuove lo sviluppo di quei valori necessari per una corretta educazione all’ambiente, al pluralismo socio-religioso e alla convivenza civile e all’affettività, valori di cui ogni comunità, non solo cristiana ma anche umana, necessita per una pacifica e costruttiva convivenza.
ATTIVITA’ ALTERNATIVA ALLA RELIGIONE CATTOLICA
Il nostri istituto in sede di Collegio docenti al fine di garantire pari opportunità anche agli alunni che non si avvalgono dell’insegnamento della Religione cattolica, come previsto dalle norme, ha deliberato in data 3/09/2015 le seguenti attività da svolgere appunto in alternativa alla Religione cattolica per il corrente anno scolastico:
 Laboratorio di lettura
 Lettura del quotidiano in classe
 Laboratorio di Arte e scienze
 Laboratorio di informatica
 Cineforum
Naturalmente le attività didattiche saranno calibrate in base all’età e all’ordine di scuola del discente che non si avvale dell’insegnamento della Religione cattolica.
I traguardi per lo sviluppo delle competenze sono formulati in modo da poter raggiungere tali obiettivi e sono i seguenti:
TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA
L’alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti principali del suo insegnamento alle tradizioni dell’ambiente in cui vive; riconosce il significato cristiano del Natale e della Pasqua, traendone motivo per interrogarsi sul valore di tali festività nell’esperienza personale, familiare e sociale.
- Riconosce che la Bibbia è il libro sacro per cristiani ed ebrei e documento
fondamentale della nostra cultura, sapendola distinguere da altre tipologie di testi, tra cui quelli di altre religioni; identifica le caratteristiche essenziali di un brano biblico, sa farsi accompagnare nell’analisi delle pagine a lui più accessibili, per collegarle alla propria esperienza.
- Si confronta con l’esperienza religiosa e distingue la specificità della proposta di salvezza del cristianesimo; identifica nella Chiesa la comunità di coloro che credono in Gesù Cristo e si impegnano per mettere in pratica il suo insegnamento; coglie il significato dei Sacramenti e si interroga sul valore che essi hanno nella vita dei cristiani.
SOMMARIO
DISTRIBUZIONE ORE PER DISCIPLINA
DISCIPLINA
ORE SETTIMANALI
1^
2^
3^-4^-5^
ITALIANO
9
9
8
INGLESE
1
2
3
STORIA -GEOGRAFIA - CITTADINANZA E COSTITUZIONE
4
4
5
MATEMATICA
8
7
7
SCIENZE/TECNOLOGIA
2
2
2
MUSICA
1
1
1
ARTE ED IMMAGINE
1
1
1
SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE
2
2
2
RELIGIONE CATTOLICA
2
2
2
In orario curricolare ed eccezionalmente extracurricolare, compatibilmente con le risorse finanziarie disponibili, son previsti Laboratori per lo sviluppo ed il recupero nelle attività.
Metodologia e Strategie didattiche
Per la migliore realizzazione delle attività didattiche i/le docenti possono scegliere di avvalersi di strategie didattiche innovative che ritengono più idonee a favorire il successo dell'attività di insegnamento-apprendimento (articolazione flessibile del gruppo classe, compresenza dei docenti, scambi di docenti tra classi).
Criteri di programmazione educativo didattica
Nel piano di lavoro annuale i/le docenti operano in rapporto: - alle indicazioni del POF e dei documenti di programmazione generale; - alle Nuove Indicazioni Nazionali per:
 l'accertamento della situazione di partenza della classe attraverso la rilevazione delle conoscenze e competenze pregresse e dei bisogni formativi degli alunni;
 l'individuazione delle finalità, degli obiettivi, delle competenze da perseguire;
 la scelta dei contenuti da utilizzare e delle attività da sviluppare;
 la selezione delle prove di verifica e dei criteri di valutazione da adottare.
Modalità e criteri di valutazione circa gli esiti delle attività formative
- Attraverso la registrazione di osservazioni sistematiche, sottoponendo gli alunni a prove di verifica oggettiva periodiche (colloqui orali, prove tecnico/pratiche, composizioni scritte, prove strutturate, ecc.), si valuta il profitto tenendo conto:
a) dell'acquisizione degli obiettivi disciplinari rispetto ai livelli di partenza;
b) dell'acquisizione degli obiettivi minimi;
c) della partecipazione degli alunni alle attività didattiche;
d) della maturazione delle abilità e competenze conseguenti agli interventi didattici;
e) del livello di socialità raggiunto;
f ) dell'autonomia nella gestione del lavoro scolastico.
- Attraverso la somministrazione in ingresso, quadrimestrale e finale di prove comuni elaborate negli incontri di dipartimento disciplinare con il supporto dalla Commissione Valutazione/Autovalutazione.
Valutazione
Relativamente a questo aspetto, la Commissione Valutazione/Autovalutazione ha elaborato delle griglie sui criteri di valutazione, divisi per disciplina e per anno di corso, che gli insegnanti avranno la possibilità di utilizzare nel corso del processo formativo. Per i dettagli si rimanda all'allegato al presente POF.
Progetti e attività previste
La scuola Primaria aderisce alla realizzazione dei progetti proposti da Istituzioni, enti o associazioni, purché siano in linea con gli obiettivi e i contenuti del proprio piano dell’Offerta Formativa.
Saranno proposti i seguenti progetti:
PROGETTI
PLESSI INTERESSATI
Progetto recupero e potenziamento di Italiano , matematica e competenze civiche (Progetto di istituto)
Aritzo - Gadoni – Desulo
Canto corale (se finanziato dall’ Amm.comunale)
Desulo
Progetto giornata sportiva
Aritzo – Desulo
Progetto “ manipoliamo i materiali con creatività”
Desulo
Progetto teatro a scuola (se finanziato dall’ Amm. comunale)
Aritzo
Progetto La storia sarda ( classi 3^ - 4^ - 5^ - )
tutti
Progetto Lingua sarda
Desulo
Progetto Screening (se finanziato dall’ Amm.comunale)
Aritzo
Progetto “ Mate…mitica” ( in comune con la secondaria di 1 grado)
Tutti
USCITE SUL TERRITORIO – VISITE GUIDATE – VIAGGI DI ISTRUZIONE
Uscite/visite guidate/viaggi di istruzione
destinazione
Plessi /Classi
Uscite nel territorio comunale e provinciale
Tutti plessi e classi Viaggio di istruzione di un giorno Bosa Classi seconde Aritzo e Gadoni Viaggio di istruzione di un giorno Cala Gonone( Grotte e Acquario)
Aritzo e Gadoni
La Scuola Secondaria di 1° grado
ORGANIZZAZIONE DELLE SEDI
L’orario di funzionamento della Scuola Secondaria di 1° grado delle sedi di Desulo, Aritzo e Gadoni è di 36 ore settimanali su 6 giorni con due rientri (il martedì e il giovedì). L'ingresso è alle ore 8,30 e l'uscita alle ore 13,30 (16,30 in occasione dei rientri).
Numeri della Scuola Secondaria di 1° grado (totale n. 148 alunni)
Scuola
N° classi
N. alunni
Desulo
4
65
Aritzo
3
54
Gadoni
2 ( di cui 1 pluriclasse
22
La scuola secondaria di 1° grado prosegue l’orientamento educativo avviato nella Scuola dell’Infanzia e nella scuola Primaria, eleva il livello di educazione e di istruzione personale di ciascun cittadino, accresce le capacità di partecipazione e di contributo ai valori della cultura e delle civiltà e costituisce la premessa indispensabile per l’ulteriore impegno dei ragazzi nel 2° ciclo d’istruzione e di formazione.
Le scuole sono chiamate all'elaborazione dei curricoli di studio, tenendo conto delle nuove Indicazioni, secondo una metodologia operativa di studio e di approfondimento, accompagnata da flessibilità e gradualità di applicazione.
INDICAZIONI NAZIONALI
ITALIANO
Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado
- L’allievo interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, attraverso modalità dialogiche sempre rispettose delle idee degli altri; con ciò matura la consapevolezza che il dialogo, oltre a essere uno strumento comunicativo, ha anche un grande valore civile e lo utilizza per apprendere informazioni ed elaborare opinioni su problemi riguardanti vari ambiti culturali e sociali.
- Usa la comunicazione orale per collaborare con gli altri, ad esempio nella realizzazione di giochi o prodotti, nell’elaborazione di progetti e nella formulazione di giudizi su problemi riguardanti vari ambiti culturali e sociali.
- Ascolta e comprende testi di vario tipo "diretti" e "trasmessi" dai media, riconoscendone la fonte, il tema, le informazioni e la loro gerarchia, l’intenzione dell’emittente.
- Espone oralmente all’insegnante e ai compagni argomenti di studio e di ricerca, anche avvalendosi di supporti specifici (schemi, mappe, presentazioni al computer, ecc.).
- Usa manuali delle discipline o testi divulgativi (continui, non continui e misti) nelle attività di studio personali e collaborative, per ricercare, raccogliere e rielaborare dati, informazioni e concetti; costruisce sulla base di quanto letto testi o presentazioni con l’utilizzo di strumenti tradizionali e informatici.
- Legge testi letterari di vario tipo (narrativi, poetici, teatrali) e comincia a costruirne un’interpretazione, collaborando con compagni e insegnanti.
- Scrive correttamente testi di tipo diverso (narrativo, descrittivo, espositivo, regolativo, argomentativo) adeguati a situazione, argomento, scopo, destinatario.
- Produce testi multimediali, utilizzando in modo efficace l’accostamento dei linguaggi verbali con quelli iconici e sonori.
- Comprende e usa in modo appropriato le parole del vocabolario di base (fondamentale; di alto uso; di alta disponibilità).
- Riconosce e usa termini specialistici in base ai campi di discorso.
- Adatta opportunamente i registri informale e formale in base alla situazione comunicativa e agli interlocutori, realizzando scelte lessicali adeguate.
- Riconosce il rapporto tra varietà linguistiche/lingue diverse (plurilinguismo) e il loro uso nello spazio geografico, sociale e comunicativo
- Padroneggia e applica in situazioni diverse le conoscenze fondamentali relative al lessico, alla morfologia, all’organizzazione logico-sintattica della frase semplice e complessa, ai connettivi testuali; utilizza le conoscenze metalinguistiche per comprendere con maggior precisione i significati dei testi e per correggere i propri scritti.
Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola secondaria di primo grado
Ascolto e parlato
– Ascoltare testi prodotti da altri, anche trasmessi dai media, riconoscendone la fonte e individuando scopo, argomento, informazioni principali e punto di vista dell’emittente.
– Intervenire in una conversazione o in una discussione, di classe o di gruppo, con pertinenza e coerenza, rispettando tempi e turni di parola e fornendo un positivo contributo personale.
– Utilizzare le proprie conoscenze sui tipi di testo per adottare strategie funzionali a comprendere durante l’ascolto.
– Ascoltare testi applicando tecniche di supporto alla comprensione: durante l’ascolto (presa di appunti, parole-chiave, brevi frasi riassuntive, segni convenzionali) e dopo l’ascolto (rielaborazione degli appunti, esplicitazione delle parole chiave, ecc.).
– Riconoscere, all’ascolto, alcuni elementi ritmici e sonori del testo poetico.
– Narrare esperienze, eventi, trame selezionando informazioni significative in base allo scopo, ordinandole in base a un criterio logico-cronologico, esplicitandole in modo chiaro ed esauriente e usando un registro adeguato all’argomento e alla situazione.
– Descrivere oggetti, luoghi, persone e personaggi, esporre procedure selezionando le informazioni significative in base allo scopo e usando un lessico adeguato all’argomento e alla situazione.
– Riferire oralmente su un argomento di studio esplicitando lo scopo e presentandolo in modo chiaro:
esporre le informazioni secondo un ordine prestabilito e coerente, usare un registro adeguato all’argomento e alla situazione, controllare il lessico specifico, precisare le fonti e servirsi eventualmente di materiali di supporto (cartine, tabelle, grafici).
– Argomentare la propria tesi su un tema affrontato nello studio e nel dialogo in classe con dati pertinenti e motivazioni valide.
Lettura
– Leggere ad alta voce in modo espressivo testi noti raggruppando le parole legate dal significato e usando pause e intonazioni per seguire lo sviluppo del testo e permettere a chi ascolta di capire.
– Leggere in modalità silenziosa testi di varia natura e provenienza applicando tecniche di supporto alla comprensione (sottolineature, note a margine, appunti) e mettendo in atto strategie differenziate (lettura selettiva, orientativa, analitica).
– Utilizzare testi funzionali di vario tipo per affrontare situazioni della vita quotidiana.
– Ricavare informazioni esplicite e implicite da testi espositivi, per documentarsi su un argomento specifico o per realizzare scopi pratici.
– Ricavare informazioni sfruttando le varie parti di un manuale di studio: indice, capitoli, titoli, sommari, testi, riquadri, immagini, didascalie, apparati grafici.
– Confrontare, su uno stesso argomento, informazioni ricavabili da più fonti, selezionando quelle ritenute più significative ed affidabili. Riformulare in modo sintetico le informazioni selezionate e riorganizzarle in modo personale (liste di argomenti, riassunti schematici, mappe, tabelle).
– Comprendere testi descrittivi, individuando gli elementi della descrizione, la loro collocazione nello spazio e il punto di vista dell’osservatore.
– Leggere semplici testi argomentativi e individuare tesi centrale e argomenti a sostegno, valutandone la pertinenza e la validità.
– Leggere testi letterari di vario tipo e forma (racconti, novelle, romanzi, poesie, commedie) individuando tema principale e intenzioni comunicative dell’autore; personaggi, loro caratteristiche, ruoli, relazioni e motivazione delle loro azioni; ambientazione spaziale e temporale; genere di appartenenza. Formulare in collaborazione con i compagni ipotesi interpretative fondate sul testo.
Scrittura
– Conoscere e applicare le procedure di ideazione, pianificazione, stesura e revisione del testo a partire dall’analisi del compito di scrittura: servirsi di strumenti per l’organizzazione delle idee (ad es. mappe, scalette); utilizzare strumenti per la revisione del testo in vista della stesura definitiva; rispettare le convenzioni grafiche.
– Scrivere testi di tipo diverso (narrativo, descrittivo, espositivo, regolativo, argomentativo) corretti dal punto di vista morfosintattico, lessicale, ortografico, coerenti e coesi, adeguati allo scopo e al destinatario.
– Scrivere testi di forma diversa (ad es. istruzioni per l’uso, lettere private e pubbliche, diari personali e di bordo, dialoghi, articoli di cronaca, recensioni, commenti, argomentazioni) sulla base di modelli sperimentati, adeguandoli a situazione, argomento, scopo, destinatario, e selezionando il registro più adeguato.
– Utilizzare nei propri testi, sotto forma di citazione esplicita e/o di parafrasi, parti di testi prodotti da altri e tratti da fonti diverse.
– Scrivere sintesi, anche sotto forma di schemi, di testi ascoltati o letti in vista di scopi specifici.
– Utilizzare la videoscrittura per i propri testi, curandone l’impaginazione; scrivere testi digitali (ad es. e-mail, post di blog, presentazioni), anche come supporto all’esposizione orale.
– Realizzare forme diverse di scrittura creativa, in prosa e in versi (ad es. giochi linguistici, riscritture di testi narrativi con cambiamento del punto di vista); scrivere o inventare testi teatrali, per un’eventuale messa in scena.
Acquisizione ed espansione del lessico ricettivo e produttivo
– Ampliare, sulla base delle esperienze scolastiche ed extrascolastiche, delle letture e di attività specifiche, il proprio patrimonio lessicale, così da comprendere e usare le parole dell’intero vocabolario di base, anche in accezioni diverse.
– Comprendere e usare parole in senso figurato.
– Comprendere e usare in modo appropriato i termini specialistici di base afferenti alle diverse discipline e anche ad ambiti di interesse personale.
– Realizzare scelte lessicali adeguate in base alla situazione comunicativa, agli interlocutori e al tipo di testo.
– Utilizzare la propria conoscenza delle relazioni di significato fra le parole e dei meccanismi di formazione delle parole per comprendere parole non note all’interno di un testo.
– Utilizzare dizionari di vario tipo; rintracciare all’interno di una voce di dizionario le informazioni utili per risolvere problemi o dubbi linguistici.
Elementi di grammatica esplicita e riflessione sugli usi della lingua
– Riconoscere ed esemplificare casi di variabilità della lingua.
– Stabilire relazioni tra situazioni di comunicazione, interlocutori e registri linguistici; tra campi di discorso, forme di testo, lessico specialistico.
– Riconoscere le caratteristiche e le strutture dei principali tipi testuali (narrativi, descrittivi, regolativi,espositivi, argomentativi).
– Riconoscere le principali relazioni fra significati delle parole (sinonimia, opposizione, inclusione); conoscere l’organizzazione del lessico in campi semantici e famiglie lessicali.
– Conoscere i principali meccanismi di formazione delle parole: derivazione, composizione.
– Riconoscere l’organizzazione logico-sintattica della frase semplice.
– Riconoscere la struttura e la gerarchia logico-sintattica della frase complessa almeno a un primo grado di subordinazione.
– Riconoscere in un testo le parti del discorso, o categorie lessicali, e i loro tratti grammaticali.
– Riconoscere i connettivi sintattici e testuali, i segni interpuntivi e la loro funzione specifica.
– Riflettere sui propri errori tipici, segnalati dall’insegnante, allo scopo di imparare ad autocorreggerli nella produzione scritta.
LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA (FRANCESE)
Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado per la lingua inglese
(I traguardi sono riconducibili al Livello A2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue del Consiglio d’Europa)
- L’alunno comprende oralmente e per iscritto i punti essenziali di testi in lingua standard su argomenti familiari o di studio che affronta normalmente a scuola e nel tempo libero.
- Descrive oralmente situazioni, racconta avvenimenti ed esperienze personali, espone argomenti di studio.
- Interagisce con uno o più interlocutori in contesti familiari e su argomenti noti.
- Legge semplici testi con diverse strategie adeguate allo scopo.
- Legge testi informativi e ascolta spiegazioni attinenti a contenuti di studio di altre discipline.
- Scrive semplici resoconti e compone brevi lettere o messaggi rivolti a coetanei e familiari.
- Individua elementi culturali veicolati dalla lingua materna o di scolarizzazione e li confronta con quelli veicolati dalla lingua straniera, senza atteggiamenti di rifiuto.
- Affronta situazioni nuove attingendo al suo repertorio linguistico; usa la lingua per apprendere argomenti anche di ambiti disciplinari diversi e collabora fattivamente con i compagni nella realizzazione di attività e progetti.
- Autovaluta le competenze acquisite ed è consapevole del proprio modo di apprendere.
Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola secondaria di primo grado
Ascolto (comprensione orale)
– Comprendere i punti essenziali di un discorso, a condizione che venga usata una lingua chiara e che si parli di argomenti familiari, inerenti alla scuola, al tempo libero, ecc.
– Individuare l’informazione principale di programmi radiofonici o televisivi su avvenimenti di attualità o su argomenti che riguardano i propri interessi, a condizione che il discorso sia articolato in modo chiaro.
– Individuare, ascoltando, termini e informazioni attinenti a contenuti di studio di altre discipline.
Parlato (produzione e interazione orale)
– Descrivere o presentare persone, condizioni di vita o di studio, compiti quotidiani; indicare che cosa piace o non piace; esprimere un’opinione e motivarla con espressioni e frasi connesse in modo semplice.
– Interagire con uno o più interlocutori, comprendere i punti chiave di una conversazione ed esporre le proprie idee in modo chiaro e comprensibile.
– Gestire conversazioni di routine, facendo domande e scambiando idee e informazioni in situazioni quotidiane prevedibili.
Lettura (comprensione scritta)
– Leggere e individuare informazioni esplicite in brevi testi di uso quotidiano e in lettere personali.
– Leggere globalmente testi relativamente lunghi per trovare informazioni specifiche relative ai propri interessi e a contenuti di studio di altre discipline.
– Leggere testi riguardanti istruzioni per l’uso di un oggetto, per lo svolgimento di giochi, per attività collaborative.
– Leggere brevi storie, semplici biografie e testi narrativi più ampi in edizioni graduate.
Scrittura (Produzione scritta)
– Produrre risposte a questionari e formulare domande su testi.
– Raccontare per iscritto esperienze, esprimendo sensazioni e opinioni con frasi semplici.
– Scrivere brevi lettere personali adeguate al destinatario e brevi resoconti che si avvalgano di lessico sostanzialmente appropriato e di sintassi elementare.
Riflessione sulla lingua e sull’apprendimento
– Rilevare semplici regolarità e differenze nella forma di testi scritti di uso comune.
– Confrontare parole e strutture relative a codici verbali diversi.
– Rilevare semplici analogie o differenze tra comportamenti e usi legati a lingue diverse.
- Riconoscere come si apprende e che cosa ostacola il proprio apprendimento.
Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado per la seconda lingua comunitaria (FRANCESE)
(I traguardi sono riconducibili al Livello A1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue del Consiglio d’Europa)
- L’alunno comprende brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari.
- Comunica oralmente in attività che richiedono solo uno scambio di informazioni semplice e diretto su argomenti familiari e abituali.
- Descrive oralmente e per iscritto, in modo semplice, aspetti del proprio vissuto e del proprio ambiente.
- Legge brevi e semplici testi con tecniche adeguate allo scopo.
- Chiede spiegazioni, svolge i compiti secondo le indicazioni date in lingua straniera dall’insegnante.
- Stabilisce relazioni tra semplici elementi linguistico-comunicativi e culturali propri delle lingue di studio.
- Confronta i risultati conseguiti in lingue diverse e le strategie utilizzate per imparare.
Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola secondaria di primo grado per la seconda lingua comunitaria (FRANCESE)
Ascolto (comprensione orale)
– Comprendere istruzioni, espressioni e frasi di uso quotidiano se pronunciate chiaramente e identificare il tema generale di brevi messaggi orali in cui si parla di argomenti conosciuti.
– Comprendere brevi testi multimediali identificandone parole chiave e il senso generale.
Parlato (produzione e interazione orale)
– Descrivere persone, luoghi e oggetti familiari utilizzando parole e frasi già incontrate ascoltando o leggendo.
– Riferire semplici informazioni afferenti alla sfera personale, integrando il significato di ciò che si dice con mimica e gesti.
– Interagire in modo comprensibile con un compagno o un adulto con cui si ha familiarità, utilizzando espressioni e frasi adatte alla situazione.
Lettura (comprensione scritta)
– Comprendere testi semplici di contenuto familiare e di tipo concreto e trovare informazioni specifiche in materiali di uso corrente.
Scrittura (produzione scritta)
– Scrivere testi brevi e semplici per raccontare le proprie esperienze, per fare gli auguri, per ringraziare o per invitare qualcuno, anche con errori formali che non compromettano però la comprensibilità del messaggio.
Riflessione sulla lingua e sull’apprendimento
– Osservare le parole nei contesti d’uso e rilevare le eventuali variazioni di significato.
– Osservare la struttura delle frasi e mettere in relazione costrutti e intenzioni comunicative.
– Confrontare parole e strutture relative a codici verbali diversi.
– Riconoscere i propri errori e i propri modi di apprendere le lingue.
STORIA
Una più sistematica strutturazione cronologica delle conoscenze storiche sarà distribuita lungo tutto l’arco del primo ciclo d’istruzione.
In particolare alla scuola primaria sono assegnate le conoscenze storiche che riguardano il periodo compreso dalla comparsa dell’uomo alla tarda antichità;
alla scuola secondaria le conoscenze che riguardano il periodo compreso dalla tarda antichità agli inizi del XXI secolo .
L’ultimo anno della scuola secondaria di primo grado viene dedicato allo studio della storia del Novecento.
Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado
- L’alunno si informa in modo autonomo su fatti e problemi storici anche mediante l’uso di risorse digitali.
- Produce informazioni storiche con fonti di vario genere – anche digitali – e le sa organizzare in testi.
- Comprende testi storici e li sa rielaborare con un personale metodo di studio,
- Espone oralmente e con scritture – anche digitali – le conoscenze storiche acquisite operando collegamenti e argomentando le proprie riflessioni.
- Usa le conoscenze e le abilità per orientarsi nella complessità del presente, comprende opinioni e culture diverse, capisce i problemi fondamentali del mondo contemporaneo.
- Comprende aspetti, processi e avvenimenti fondamentali della storia italiana dalle forme di insediamento e di potere medievali alla formazione dello stato unitario fino alla nascita della Repubblica, anche con possibilità di aperture e confronti con il mondo antico.
- Conosce aspetti e processi fondamentali della storia europea medievale, moderna e contemporanea, anche con possibilità di aperture e confronti con il mondo antico.
- Conosce aspetti e processi fondamentali della storia mondiale, dalla civilizzazione neolitica alla rivoluzione industriale, alla globalizzazione.
- Conosce aspetti e processi essenziali della storia del suo ambiente.
- Conosce aspetti del patrimonio culturale, italiano e dell’umanità e li sa mettere in relazione con i fenomeni storici studiati.
Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola secondaria di primo grado
Uso delle fonti
– Conoscere alcune procedure e tecniche di lavoro nei siti archeologici, nelle biblioteche e negli archivi.
– Usare fonti di diverso tipo (documentarie, iconografiche, narrative, materiali, orali, digitali, ecc.) per produrre conoscenze su temi definiti.
Organizzazione delle informazioni
– Selezionare e organizzare le informazioni con mappe, schemi, tabelle, grafici e risorse digitali.
– Costruire grafici e mappe spazio-temporali, per organizzare le conoscenze studiate.
– Collocare la storia locale in relazione con la storia italiana, europea, mondiale.
– Formulare e verificare ipotesi sulla base delle informazioni prodotte e delle conoscenze elaborate.
Strumenti concettuali
– Comprendere aspetti e strutture dei processi storici italiani, europei e mondiali.
– Conoscere il patrimonio culturale collegato con i temi affrontati.
– Usare le conoscenze apprese per comprendere problemi ecologici, interculturali e di convivenza civile.
Produzione scritta e orale
– Produrre testi, utilizzando conoscenze selezionate da fonti di informazione diverse, manualistiche e non, cartacee e digitali
– Argomentare su conoscenze e concetti appresi usando il linguaggio specifico della disciplina.
GEOGRAFIA
Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado
- Lo studente si orienta nello spazio e sulle carte di diversa scala in base ai punti cardinali e alle coordinate geografiche; sa orientare una carta geografica a grande scala facendo ricorso a punti di riferimento fissi.
- Utilizza opportunamente carte geografiche, fotografie attuali e d’epoca, immagini da telerilevamento, elaborazioni digitali, grafici, dati statistici, sistemi informativi geografici per comunicare efficacemente informazioni spaziali.
- Riconosce nei paesaggi europei e mondiali, raffrontandoli in particolare a quelli italiani, gli elementi fisici significativi e le emergenze storiche, artistiche e architettoniche, come patrimonio naturale e culturale da tutelare e valorizzare.
- Osserva, legge e analizza sistemi territoriali vicini e lontani, nello spazio e nel tempo e valuta gli effetti di azioni dell’uomo sui sistemi territoriali alle diverse scale geografiche.
Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola secondaria di primo grado
Orientamento
– Orientarsi sulle carte e orientare le carte a grande scala in base ai punti cardinali (anche con l’utilizzo della bussola) e a punti di riferimento fissi.
– Orientarsi nelle realtà territoriali lontane, anche attraverso l’utilizzo dei programmi multimediali di visualizzazione dall’alto.
Linguaggio della geo-graficità
– Leggere e interpretare vari tipi di carte geografiche (da quella topografica al planisfero), utilizzando scale di riduzione, coordinate geografiche e simbologia.
– Utilizzare strumenti tradizionali (carte, grafici, dati statistici, immagini, ecc.) e innovativi (telerilevamento e cartografia computerizzata) per comprendere e comunicare fatti e fenomeni territoriali.
Paesaggio
- Interpretare e confrontare alcuni caratteri dei paesaggi italiani, europei e mondiali, anche in relazione alla loro evoluzione nel tempo.
- Conoscere temi e problemi di tutela del paesaggio come patrimonio naturale e culturale e progettare azioni di valorizzazione.
Regione e sistema territoriale
- Consolidare il concetto di regione geografica (fisica, climatica, storica, economica) applicandolo all’Italia, all’Europa e agli altri continenti.
- Analizzare in termini di spazio le interrelazioni tra fatti e fenomeni demografici, sociali ed economici di portata nazionale, europea e mondiale.
- Utilizzare modelli interpretativi di assetti territoriali dei principali Paesi europei e degli altri continenti, anche in relazione alla loro evoluzione storico-politico-economica.
MATEMATICA
Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado
- L’alunno si muove con sicurezza nel calcolo anche con i numeri razionali, ne padroneggia le diverse rappresentazioni e stima la grandezza di un numero e il risultato di operazioni.
- Riconosce e denomina le forme del piano e dello spazio, le loro rappresentazioni e ne coglie le relazioni tra gli elementi.
- Analizza e interpreta rappresentazioni di dati per ricavarne misure di variabilità e prendere decisioni.
- Riconosce e risolve problemi in contesti diversi valutando le informazioni e la loro coerenza.
- Spiega il procedimento seguito, anche in forma scritta, mantenendo il controllo sia sul processo risolutivo, sia sui risultati.
- Confronta procedimenti diversi e produce formalizza zioni che gli consentono di passare da un problema specifico a una classe di problemi.
- Produce argomentazioni in base alle conoscenze teoriche acquisite (ad esempio sa utilizzare i concetti di proprietà caratterizzante e di definizione).
- Sostiene le proprie convinzioni, portando esempi e controesempi adeguati e utilizzando concatenazioni di affermazioni; accetta di cambiare opinione riconoscendo le conseguenze logiche di una argomentazione corretta.
- Utilizza e interpreta il linguaggio matematico (piano cartesiano, formule, equazioni, ...) e ne coglie il rapporto col linguaggio naturale.
- Nelle situazioni di incertezza (vita quotidiana, giochi, …) si orienta con valutazioni di probabilità.
- Ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto alla matematica attraverso esperienze significative e ha capito come gli strumenti matematici appresi siano utili in molte situazioni per operare nella realtà.
Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola secondaria di primo grado
Numeri
– Eseguire addizioni, sottrazioni, moltiplicazioni, divisioni, ordinamenti e confronti tra i numeri conosciuti (numeri naturali, numeri interi, frazioni e numeri decimali), quando possibile a mente oppure utilizzando gli usuali algoritmi scritti, le calcolatrici e i fogli di calcolo e valutando quale strumento può essere più opportuno.
– Dare stime approssimate per il risultato di una operazione e controllare la plausibilità di un calcolo.
– Rappresentare i numeri conosciuti sulla retta.
– Utilizzare scale graduate in contesti significativi per le scienze e per la tecnica.
– Utilizzare il concetto di rapporto fra numeri o misure ed esprimerlo sia nella forma decimale, sia mediante frazione.
– Utilizzare frazioni equivalenti e numeri decimali per denotare uno stesso numero razionale in diversi modi, essendo consapevoli di vantaggi e svantaggi delle diverse rappresentazioni.
– Comprendere il significato di percentuale e saperla calcolare utilizzando strategie diverse.
– Interpretare una variazione percentuale di una quantità data come una moltiplicazione per un numero decimale.
– Individuare multipli e divisori di un numero naturale e multipli e divisori comuni a più numeri.
– Comprendere il significato e l’utilità del multiplo comune più piccolo e del divisore comune più grande, in matematica e in situazioni concrete.
– In casi semplici scomporre numeri naturali in fattori primi e conoscere l’utilità di tale scomposizione per diversi fini.
– Utilizzare la notazione usuale per le potenze con esponente intero positivo, consapevoli del significato, e le proprietà delle potenze per semplificare calcoli e notazioni.
– Conoscere la radice quadrata come operatore inverso dell’elevamento al quadrato.
– Dare stime della radice quadrata utilizzando solo la moltiplicazione.
– Sapere che non si può trovare una frazione o un numero decimale che elevato al quadrato dà 2, o altri numeri interi.
– Utilizzare la proprietà associativa e distributiva per raggruppare e semplificare, anche mentalmente,le operazioni.
– Descrivere con un’espressione numerica la sequenza di operazioni che fornisce la soluzione di un problema.
– Eseguire semplici espressioni di calcolo con i numeri conosciuti, essendo consapevoli del significato delle parentesi e delle convenzioni sulla precedenza delle operazioni.
– Esprimere misure utilizzando anche le potenze del 10 e le cifre significative.
Spazio e figure
– Riprodurre figure e disegni geometrici, utilizzando in modo appropriato e con accuratezza opportuni strumenti (riga, squadra, compasso, goniometro, software di geometria).
– Rappresentare punti, segmenti e figure sul piano cartesiano.
– Conoscere definizioni e proprietà (angoli, assi di simmetria, diagonali, …) delle principali figure piane (triangoli, quadrilateri, poligoni regolari, cerchio).
– Descrivere figure complesse e costruzioni geometriche al fine di comunicarle ad altri.
– Riprodurre figure e disegni geometrici in base a una descrizione e codificazione fatta da altri.
– Riconoscere figure piane simili in vari contesti e riprodurre in scala una figura assegnata.
– Conoscere il Teorema di Pitagora e le sue applicazioni in matematica e in situazioni concrete.
– Determinare l’area di semplici figure scomponendole in figure elementari, ad esempio triangoli, o utilizzando le più comuni formule.
– Stimare per difetto e per eccesso l’area di una figura delimitata anche da linee curve.
– Conoscere il numero , e alcuni modi per approssimarlo.
– Calcolare l’area del cerchio e la lunghezza della circonferenza, conoscendo il raggio, e viceversa.
– Conoscere e utilizzare le principali trasformazioni geometriche e i loro invarianti.
– Rappresentare oggetti e figure tridimensionali in vario modo tramite disegni sul piano.
– Visualizzare oggetti tridimensionali a partire da rappresentazioni bidimensionali.
– Calcolare l’area e il volume delle figure solide più comuni e darne stime di oggetti della vita quotidiana.
– Risolvere problemi utilizzando le proprietà geometriche delle figure.
Relazioni e funzioni
– Interpretare, costruire e trasformare formule che contengono lettere per esprimere in forma generale relazioni e proprietà.
– Esprimere la relazione di proporzionalità con un’uguaglianza di frazioni e viceversa.
– Usare il piano cartesiano per rappresentare relazioni e funzioni empiriche o ricavate da tabelle, e per conoscere in particolare le funzioni del tipo y=ax, y=a/x, y=ax , y=2 e i loro grafici e collegare le 2n prime due al concetto di proporzionalità.
– Esplorare e risolvere problemi utilizzando equazioni di primo grado.
Dati e previsioni
– Rappresentare insiemi di dati, anche facendo uso di un foglio elettronico. In situazioni significative, confrontare dati al fine di prendere decisioni, utilizzando le distribuzioni delle frequenze e delle frequenze relative. Scegliere ed utilizzare valori medi (moda, mediana, media aritmetica) adeguati alla tipologia ed alle caratteristiche dei dati a disposizione. Saper valutare la variabilità di un insieme di dati determinandone, ad esempio, il campo di variazione.
– In semplici situazioni aleatorie, individuare gli eventi elementari, assegnare a essi una probabilità, calcolare la probabilità di qualche evento, scomponendolo in eventi elementari disgiunti.
– Riconoscere coppie di eventi complementari, incompatibili, indipendenti.
SCIENZE
Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado
- L’alunno esplora e sperimenta, in laboratorio e all’aperto, lo svolgersi dei più comuni fenomeni, ne immagina e ne verifica le cause; ricerca soluzioni ai problemi, utilizzando le conoscenze acquisite.
- Sviluppa semplici schematizzazioni e modellizzazioni di fatti e fenomeni ricorrendo, quando è il caso, a misure appropriate e a semplici formalizzazioni.
- Riconosce nel proprio organismo strutture e funzionamenti a livelli macroscopici e microscopici, è consapevole delle sue potenzialità e dei suoi limiti.
- Ha una visione della complessità del sistema dei viventi e della loro evoluzione nel tempo; riconosce nella loro diversità i bisogni fondamentali di animali e piante, e i modi di soddisfarli negli specifici contesti ambientali.
- È consapevole del ruolo della comunità umana sulla Terra, del carattere finito delle risorse, nonché dell’ineguaglianza dell’accesso a esse, e adotta modi di vita ecologicamente responsabili.
- Collega lo sviluppo delle scienze allo sviluppo della storia dell’uomo.
- Ha curiosità e interesse verso i principali problemi legati all’uso della scienza nel campo dello sviluppo scientifico e tecnologico.
Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola secondaria di primo grado
Fisica e chimica
- Utilizzare i concetti fisici fondamentali quali: pressione, volume, velocità, peso, peso specifico, forza, temperatura, calore, carica elettrica, ecc., in varie situazioni di esperienza; in alcuni casi raccogliere dati su variabili rilevanti di differenti fenomeni, trovarne relazioni quantitative ed esprimerle con rappresentazioni formali di tipo diverso. Realizzare esperienze quali ad esempio:
piano inclinato,galleggiamento, vasi comunicanti, riscaldamento dell’acqua, fusione del ghiaccio, costruzione di un circuito pila-interruttore-lampadina.
- Costruire e utilizzare correttamente il concetto di energia come quantità che si conserva; individuare la sua dipendenza da altre variabili; riconoscere l’inevitabile produzione di calore nelle catene energetiche reali. Realizzare esperienze quali ad esempio: mulino ad acqua, dinamo, elica rotante sul
termosifone, riscaldamento dell’acqua con il frullatore.
- Padroneggiare concetti di trasformazione chimica; sperimentare reazioni (non pericolose) anche con prodotti chimici di uso domestico e interpretarle sulla base di modelli semplici di struttura della materia; osservare e descrivere lo svolgersi delle reazioni e i prodotti ottenuti. Realizzare esperienze quali ad esempio: soluzioni in acqua, combustione di una candela, bicarbonato di sodio + aceto.
Astronomia e Scienze della Terra
- Osservare, modellizzare e interpretare i più evidenti fenomeni celesti attraverso l’osservazione del cielo notturno e diurno, utilizzando anche planetari o simulazioni al computer. Ricostruire i movimenti della Terra da cui dipendono il dì e la notte e l’alternarsi delle stagioni. Costruire modelli tridimensionali anche in connessione con l’evoluzione storica dell’astronomia.
- Spiegare, anche per mezzo di simulazioni, i meccanismi delle eclissi di sole e di luna. Realizzare esperienze quali ad esempio: costruzione di una meridiana, registrazione della traiettoria del sole e della sua altezza a mezzogiorno durante l’arco dell’anno.
- Riconoscere, con ricerche sul campo ed esperienze concrete, i principali tipi di rocce ed i processi geologici da cui hanno avuto origine.
- Conoscere la struttura della Terra e i suoi movimenti interni (tettonica a placche); individuare i rischi sismici, vulcanici e idrogeologici della propria regione per pianificare eventuali attività di prevenzione. Realizzare esperienze quali ad esempio la raccolta e i saggi di rocce diverse.
Biologia
- Riconoscere le somiglianze e le differenze del funzionamento delle diverse specie di viventi.
- Comprendere il senso delle grandi classificazioni, riconoscere nei fossili indizi per ricostruire nel tempo le trasformazioni dell’ambiente fisico, la successione e l’evoluzione delle specie.
- Realizzare esperienze quali ad esempio: in coltivazioni e allevamenti, osservare della variabilità in individui della stessa specie.
- Sviluppare progressivamente la capacità di spiegare il funzionamento macroscopico dei viventi con un modello cellulare (collegando per esempio: la respirazione con la respirazione cellulare, l’alimentazione con il metabolismo cellulare, la crescita e lo sviluppo con la duplicazione delle cellule, la crescita delle piante con la fotosintesi). Realizzare esperienze quali ad esempio: dissezione di una pianta, modellizzazione di una cellula, osservazione di cellule vegetali al microscopio, coltivazione di muffe e microorganismi.
- Conoscere le basi biologiche della trasmissione dei caratteri ereditari acquisendo le prime elementari nozioni di genetica.
- Acquisire corrette informazioni sullo sviluppo puberale e la sessualità; sviluppare la cura e il controllo della propria salute attraverso una corretta alimentazione; evitare consapevolmente i danni prodotti dal fumo e dalle droghe.
- Assumere comportamenti e scelte personali ecologicamente sostenibili. Rispettare e preservare la biodiversità nei sistemi ambientali. Realizzare esperienze quali ad esempio: costruzione di nidi per uccelli selvatici, adozione di uno stagno o di un bosco.
MUSICA
Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado
- L’alunno partecipa in modo attivo alla realizzazione di esperienze musicali attraverso l’esecuzione e l’interpretazione di brani strumentali e vocali appartenenti a generi e culture differenti.
- Usa diversi sistemi di notazione funzionali alla lettura, all’analisi e alla riproduzione di brani musicali.
- È in grado di ideare e realizzare, anche attraverso l’improvvisazione o partecipando a processi di elaborazione collettiva, messaggi musicali e multimediali, nel confronto critico con modelli appartenenti al patrimonio musicale, utilizzando anche sistemi informatici.
- Comprende e valuta eventi, materiali, opere musicali riconoscendone i significati, anche in relazione alla propria esperienza musicale e ai diversi contesti storico-culturali.
- Integra con altri saperi e altre pratiche artistiche le proprie esperienze musicali, servendosi anche di appropriati codici e sistemi di codifica.
Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola secondaria di primo grado
– Eseguire in modo espressivo, collettivamente e individualmente, brani vocali e strumentali di diversi generi e stili, anche avvalendosi di strumentazioni elettroniche.
– Improvvisare, rielaborare, comporre brani musicali vocali e strumentali, utilizzando sia strutture aperte, sia semplici schemi ritmico-melodici.
– Riconoscere e classificare anche stilisticamente i più importanti elementi costitutivi del linguaggio musicale.
– Conoscere, descrivere e interpretare in modo critico opere d’arte musicali e progettare/realizzare eventi sonori che integrino altre forme artistiche, quali danza, teatro, arti visive e multimediali.
– Decodificare e utilizzare la notazione tradizionale e altri sistemi di scrittura.
– Orientare la costruzione della propria identità musicale, ampliarne l’orizzonte valorizzando le proprie esperienze, il percorso svolto e le opportunità offerte dal contesto.
– Accedere alle risorse musicali presenti in rete e utilizzare software specifici per elaborazioni sonore e musicali.
ARTE E IMMAGINE
Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado
- L’alunno realizza elaborati personali e creativi sulla base di un’ideazione e progettazione originale, applicando le conoscenze e le regole del linguaggio visivo, scegliendo in modo funzionale tecniche e materiali differenti anche con l’integrazione di più media e codici espressivi.
- Padroneggia gli elementi principali del linguaggio visivo, legge e comprende i significati di immagini statiche e in movimento, di filmati audiovisivi e di prodotti multimediali.
- Legge le opere più significative prodotte nell’arte antica, medievale, moderna e contemporanea, sapendole collocare nei rispettivi contesti storici, culturali e ambientali; riconosce il valore culturale di immagini,di opere e di oggetti artigianali prodotti in paesi diversi dal proprio.
- Riconosce gli elementi principali del patrimonio culturale, artistico e ambientale del proprio territorio ed è sensibile ai problemi della sua tutela e conservazione.
- Analizza e descrive beni culturali, immagini statiche e multimediali, utilizzando il linguaggio appropriato.
Obiettivi di apprendimento al termine della scuola secondaria di primo grado
Esprimersi e comunicare
– Ideare e progettare elaborati ricercando soluzioni creative originali, ispirate anche dallo studio dell’arte e della comunicazione visiva.
– Utilizzare consapevolmente gli strumenti, le tecniche figurative (grafiche, pittoriche e plastiche) e le regole della rappresentazione visiva per una produzione creativa che rispecchi le preferenze e lo stile espressivo personale.
– Rielaborare creativamente materiali di uso comune, immagini fotografiche, scritte, elementi iconici e visivi per produrre nuove immagini.
– Scegliere le tecniche e i linguaggi più adeguati per realizzare prodotti visivi seguendo una precisa finalità operativa o comunicativa, anche integrando più codici e facendo riferimento ad altre discipline.
Osservare e leggere le immagini
– Utilizzare diverse tecniche osservative per descrivere, con un linguaggio verbale appropriato, gli elementi formali ed estetici di un contesto reale.
– Leggere e interpretare un’immagine o un’opera d’arte utilizzando gradi progressivi di approfondimento dell’analisi del testo per comprenderne il significato e cogliere le scelte creative e stilistiche dell’autore.
– Riconoscere i codici e le regole compositive presenti nelle opere d’arte e nelle immagini della comunicazione multimediale per individuarne la funzione simbolica, espressiva e comunicativa nei diversi
ambiti di appartenenza (arte, pubblicità, informazione, spettacolo).
Comprendere e apprezzare le opere d’arte
– Leggere e commentare criticamente un’opera d’arte mettendola in relazione con gli elementi essenziali del contesto storico e culturale a cui appartiene.
– Possedere una conoscenza delle linee fondamentali della produzione artistica dei principali periodi storici del passato e dell’arte moderna e contemporanea, anche appartenenti a contesti culturali diversi dal proprio.
– Conoscere le tipologie del patrimonio ambientale, storico-artistico e museale del territorio sapendone leggere i significati e i valori estetici, storici e sociali.
– Ipotizzare strategie di intervento per la tutela, la conservazione e la valorizzazione dei beni culturali.
EDUCAZIONE FISICA
Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado
- L’alunno è consapevole delle proprie competenze motorie sia nei punti di forza che nei limiti.
- Utilizza le abilità motorie e sportive acquisite adattando il movimento in situazione.
- Utilizza gli aspetti comunicativo-relazionali del linguaggio motorio per entrare in relazione con gli altri,praticando, inoltre, attivamente i valori sportivi (fair – play) come modalità di relazione quotidiana e di rispetto delle regole.
- Riconosce, ricerca e applica a se stesso comportamenti di promozione dello “star bene” in ordine a un sano stile di vita e alla prevenzione.
- Rispetta criteri base di sicurezza per sé e per gli altri.
- È capace di integrarsi nel gruppo, di assumersi responsabilità e di impegnarsi per il bene comune.
Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola secondaria di primo grado
Il corpo e la sua relazione con lo spazio e il tempo
– Saper utilizzare e trasferire le abilità per la realizzazione dei gesti tecnici dei vari sport.
– Saper utilizzare l’esperienza motoria acquisita per risolvere situazioni nuove o inusuali.
– Utilizzare e correlare le variabili spazio-temporali funzionali alla realizzazione del gesto tecnico in ogni situazione sportiva.
– Sapersi orientare nell’ambiente naturale e artificiale anche attraverso ausili specifici (mappe, bussole).
Il linguaggio del corpo come modalità comunicativo-espressiva
– Conoscere e applicare semplici tecniche di espressione corporea per rappresentare idee, stati d’animo e storie mediante gestualità e posture svolte in forma individuale, a coppie, in gruppo.
– Saper decodificare i gesti di compagni e avversari in situazione di gioco e di sport.
– Saper decodificare i gesti arbitrali in relazione all’applicazione del regolamento di gioco.
Il gioco, lo sport, le regole e il fair play
– Padroneggiare le capacità coordinative adattandole alle situazioni richieste dal gioco in forma originale e creativa, proponendo anche varianti.
– Sa realizzare strategie di gioco, mette in atto comportamenti collaborativi e partecipa in forma propositiva alle scelte della squadra.
– Conoscere e applicare correttamente il regolamento tecnico degli sport praticati assumendo anche il ruolo di arbitro o di giudice.
– Saper gestire in modo consapevole le situazioni competitive, in gara e non, con autocontrollo e rispetto per l’altro, sia in caso di vittoria sia in caso di sconfitta.
Salute e benessere, prevenzione e sicurezza
– Essere in grado di conoscere i cambiamenti morfologici caratteristici dell’età ed applicarsi a seguire un piano di lavoro consigliato in vista del miglioramento delle prestazioni.
– Essere in grado di distribuire lo sforzo in relazione al tipo di attività richiesta e di applicare tecniche di controllo respiratorio e di rilassamento muscolare a conclusione del lavoro.
– Saper disporre, utilizzare e riporre correttamente gli attrezzi salvaguardando la propria e l’altrui sicurezza.
– Saper adottare comportamenti appropriati per la sicurezza propria e dei compagni anche rispetto a possibili situazioni di pericolo.
– Praticare attività di movimento per migliorare la propria efficienza fisica riconoscendone i benefici.
– Conoscere ed essere consapevoli degli effetti nocivi legati all’assunzione di integratori, di sostanze illecite o che inducono dipendenza (doping, droghe, alcool).
TECNOLOGIA
Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado
- L’alunno riconosce nell’ambiente che lo circonda i principali sistemi tecnologici e le molteplici relazioni che essi stabiliscono con gli esseri viventi e gli altri elementi naturali.
- Conosce i principali processi di trasformazione di risorse o di produzione di beni e riconosce le diverse forme di energia coinvolte.
- È in grado di ipotizzare le possibili conseguenze di una decisione o di una scelta di tipo tecnologico, riconoscendo in ogni innovazione opportunità e rischi.
- Conosce e utilizza oggetti, strumenti e macchine di uso comune ed è in grado di classificarli e di descriverne la funzione in relazione alla forma, alla struttura e ai materiali.
- Utilizza adeguate risorse materiali, informative e organizzative per la progettazione e la realizzazione di semplici prodotti, anche di tipo digitale.
- Ricava dalla lettura e dall’analisi di testi o tabelle informazioni sui beni o sui servizi disponibili sul mercato, in modo da esprimere valutazioni rispetto a criteri di tipo diverso.
- Conosce le proprietà e le caratteristiche dei diversi mezzi di comunicazione ed è in grado di farne un uso efficace e responsabile rispetto alle proprie necessità di studio e socializzazione.
- Sa utilizzare comunicazioni procedurali e istruzioni tecniche per eseguire, in maniera metodica e razionale, compiti operativi complessi, anche collaborando e cooperando con i compagni.
- Progetta e realizza rappresentazioni grafiche o infografiche, relative alla struttura e al funzionamento di sistemi materiali o immateriali, utilizzando elementi del disegno tecnico o altri linguaggi multimediali e di programmazione.
Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola secondaria di primo grado
Vedere, osservare e sperimentare
– Eseguire misurazioni e rilievi grafici o fotografici sull’ambiente scolastico o sulla propria abitazione.
– Leggere e interpretare semplici disegni tecnici ricavandone informazioni qualitative e quantitative.
– Impiegare gli strumenti e le regole del disegno tecnico nella rappresentazione di oggetti o processi.
– Effettuare prove e semplici indagini sulle proprietà fisiche, chimiche, meccaniche e tecnologiche di vari materiali.
– Accostarsi a nuove applicazioni informatiche esplorandone le funzioni e le potenzialità.
Prevedere, immaginare e progettare
– Effettuare stime di grandezze fisiche riferite a materiali e oggetti dell’ambiente scolastico.
– Valutare le conseguenze di scelte e decisioni relative a situazioni problematiche.
– Immaginare modifiche di oggetti e prodotti di uso quotidiano in relazione a nuovi bisogni o necessità.
– Pianificare le diverse fasi per la realizzazione di un oggetto impiegando materiali di uso quotidiano.
– Progettare una gita d’istruzione o la visita a una mostra usando internet per reperire e selezionare le informazioni utili.
Intervenire, trasformare e produrre
– Smontare e rimontare semplici oggetti, apparecchiature elettroniche o altri dispositivi comuni.
– Utilizzare semplici procedure per eseguire prove sperimentali nei vari settori della tecnologia (ad esempio: preparazione e cottura degli alimenti).
– Rilevare e disegnare la propria abitazione o altri luoghi anche avvalendosi di software specifici.
– Eseguire interventi di riparazione e manutenzione sugli oggetti dell’arredo scolastico o casalingo.
– Costruire oggetti con materiali facilmente reperibili a partire da esigenze e bisogni concreti.
– Programmare ambienti informatici e elaborare semplici istruzioni per controllare il comportamento di un robot.
Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado
L’alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse situazioni comunicative, sostenendo le proprie idee con testi orali e scritti, che siano sempre rispettosi delle idee degli altri. Egli ha maturato la consapevolezza che il dialogo, oltre a essere uno strumento comunicativo, ha anche un grande valore civile e lo utilizza per apprendere informazioni ed elaborare opinioni su problemi riguardanti vari ambiti culturali e sociali.
Usa in modo efficace la comunicazione orale e scritta per collaborare con gli altri,per esempio nella realizzazione di giochi, nell’elaborazione di progetti e nella valutazionedell’efficacia di diverse soluzioni di un problema.
Nelle attività di studio, personali e collaborative, usa i manuali delle discipline o altri testi di studio, al fine di ricercare, raccogliere e rielaborare i dati, le informazioni,i concetti e le esperienze necessarie, anche con l’utilizzo di strumenti informatici.
Legge con interesse e con piacere testi letterari di vario tipo e comincia a manifestare gusti personali per quanto riguarda opere, autori e generi letterari, sui quali scambia opinioni con compagni e con insegnanti.
Alla fine di un percorso didattico produce con l’aiuto dei docenti e dei compagni semplici ipertesti, utilizzando in modo efficace l’accostamento dei linguaggi verbali con quelli iconici e sonori.
Ha imparato ad apprezzare la lingua come strumento attraverso il quale può esprimere stati d’animo, rielaborare esperienze ed esporre punti di vista personali.
È capace di utilizzare le conoscenze metalinguistiche per migliorare la comunicazione orale e scritta.
Varia opportunamente i registri informale e formale in base alla situazione comunicativa e agli interlocutori; riconosce e usa termini specialistici in base ai campi di discorso.
SOMMARIO
OBIETTIVI GENERALI DEL PROCESSO FORMATIVO
 Adoperare il sapere ed il fare come occasione per sviluppare armoniosamente la personalità degli allievi in tutte le direzioni;
 Promuovere le aggregazioni sociali e la vita e le decisioni del singolo;
 Mirare all’orientamento di ciascuno e metterlo nelle condizioni di definire e conquistare le proprie identità di fronte agli altri e di rivendicare un proprio ruolo nella realtà in cui vive;
 Accompagnare l’ allievo, assieme alla famiglia, nella sua crescita per una maturazione globale;
 Radicare conoscenze e abilità disciplinari e interdisciplinari sulle effettive capacità di ciascuno utilizzando modalità più motivanti perché egli possa esercitarle sia individualmente che assieme agli altri;
 Prevenire i disagi in accordo con le famiglie facendo scelte il più possibile condivise dagli altri soggetti educativi nell’ extra-scuola;
 Programmare i propri interventi mirando a rimuovere gli effetti negativi dei condizionamenti sociali.
Conoscenze, Abilità e Comportamenti Comuni a tutti gli ambiti disciplinari
Gli alunni dovranno acquisire autonomia ed interiorizzare gradualmente comportamenti sempre più corretti e responsabili:
 avere cura del materiale proprio ed altrui e dell’ambiente scolastico;
 stabilire rapporti di collaborazione e serena convivenza con i coetanei e gli adulti;
 essere puntuali negli adempimenti di tutto quanto concerne l’attività scolastica;
 controllare l’impulsività;
 rispettare le regole della vita scolastica:
 non portare giochi o altro materiale che possa indurre la distrazione;
 preparare il materiale necessario a seguire la lezione prima che essa inizi;
 contribuire a creare un clima di tranquillità e di silenzio all’interno della classe;
 ascoltare gli insegnanti ed i compagni;
 rispettare tempi e modi dei propri interventi e riflettere sulla loro pertinenza.
Metodologie e strategie didattiche
Gli insegnanti sceglieranno tra le diverse metodologie e strategie didattiche quelle ritenute più funzionali al raggiungimento degli obiettivi prefissati. A titolo di esempio:
 lezione frontale, attiva, dialogata;  uso dei manuali;  attività con uso dei linguaggi verbali e non verbali;  esercitazioni individuali e/o a piccoli gruppi;  attività pratico-operative e di laboratorio;  drammatizzazione;  visite guidate e viaggi di istruzione;  giochi didattico-formativi;  giochi, gare ginnico-sportive;  guida all’osservazione;  utilizzo del metodo della ricerca;  ricorso ad organismi, enti, strutture, esperti esterni.
Gruppi di apprendimento
Per realizzare un miglior rapporto insegnamento – apprendimento il gruppo classe, in alcuni momenti dell’attività didattica, viene scomposto in:
- gruppi con omogeneo livello di competenze, eventualmente provenienti anche da classi parallele;
- gruppi con eterogeneo livello di competenze all’interno dei quali si possa realizzare un tutoraggio fra pari;
- gruppi di lavoro formati da alunni di classi diverse (gruppi verticali).
Compresenze e codocenze
Il lavoro in gruppi viene gestito da due insegnanti della stessa classe (compresenza e/o codocenza nel Tempo Prolungato) o di classi diverse, secondo i bisogni rilevati e le attività programmate.
Valutazione
- Attraverso la somministrazione in ingresso, quadrimestrale e finale di prove comuni elaborate negli incontri di dipartimento disciplinare con il supporto dalla Commissione Valutazione/Autovalutazione.
Relativamente a questo aspetto, la Commissione Valutazione/Autovalutazione ha elaborato delle griglie sui criteri di valutazione, divisi per disciplina e per anno di corso, che gli insegnanti avranno la possibilità di utilizzare nel corso del processo formativo. Per i dettagli si rimanda a quanto pubblicato nel sito scolastico.
Linee guida condivise per le tre Classi
Sviluppo armonico della persona:
Riconoscersi membri di una comunità cittadini, soggetti attivi di diritti e doveri.
Ricerca del significato:
Interpretare e analizzare fatti e fenomeni dei contesti vicini e lontani per coglierne le interdipendenze, i problemi e ipotizzare delle soluzioni.
Riflessività e autonomia di giudizio:
a) Scegliere e utilizzare le strategie di azione e di studio più efficace rispetto alla situazione.
b) Riconoscere ed esprimere il proprio punto di vista autonomo e critico.
Responsabilità:
Assumere precise responsabilità nelle diverse situazioni di vita, in rapporto ai compiti assegnati e in rapporto alle scelte effettuate autonomamente.
Collaborazione e gestione dei conflitti:
Leggere la complessità circostante, vicina e lontana, per comprenderne gli aspetti di maggiore conflittualità e suggerire strade di soluzione e cooperazione.
Comunicazione:
Produrre, a livello individuale e di gruppo, messaggi di complessità, differente, di genere diverso, con linguaggi disciplinari specifici e su vari supporti (cartacei, informatici e multimediali).
PROGETTI e ATTIVITA'
La scuola Secondaria aderisce alla realizzazione dei progetti proposti da Istituzioni, enti o associazioni, purché siano in linea con gli obiettivi e i contenuti del proprio piano dell’Offerta Formativa.
Se finanziati, la scuola secondaria attuerà:
- Progetto dall’integrazione all’ inclusione
- Progetto sulla tutela delle minoranze linguistiche
- Progetto sulla valorizzazione della lingua e cultura della Sardegna
- Progetto delle biodiversità.
Tutte le classi:
- Progetto sulla Pace (comune a tutti i plessi)
- Progetto La storia sarda
- Partecipazione ai giochi sportivi studenteschi e ai giochi della gioventù (il calendario delle attività verrà fissato in base alle programmazioni provinciali)
PROGETTI
SCUOLE INTERESSATE
Rafforzamento delle competenze logico-matematiche e linguistiche (progetto di istituto)
Aritzo - Desulo - Gadoni
Educazione alimentare
Desulo
Progetto “ Imparare ad imparare” classi 5 primaria e 1,2,3 secondaria - progetto di istituto))
Educazione alla legalità (con le forze dell’ordine)
Desulo-Aritzo-Gadoni
Attività Sportiva (giochi sportivi) Meeting di Atletica
Aritzo - Desulo - Gadoni
Lingua e cultura Sarda(solo la classe terza).
Aritzo
Progetto di Scienze ambientali.
Aritzo
Le tossicodipendenze (solo la terza)
Aritzo
Recital Natalizio ( classi 1 e 3 A)
Desulo
Progetto laboratorio tematico di arte (classe 3)
Aritzo
RICIGIOCANDO
GADONI
LIBRANDO
GADONI
LABORATORIO DI CUCITO
GADONI
LABORATORIO MANUALE-CREATIVO
GADONI
VISITE GUIDATE E VIAGGI D'ISTRUZIONE
Uscite/visite guidate/viaggi di istruzione
destinazione
Plessi /Classi
Viaggio di istruzione
MUSEO DI SCIENZE NAT. BELVI’
Classi 1 Aritzo, Desulo e Gadoni)
Viaggio di istruzione
BOSA – CALAGONONE –
( Classi 2 di Aritzo e Gadoni)
Viaggio di istruzione di un giorno
Cagliari ( Museo Archeologico, Orto botanico, centro storico)
Classi prime Desulo, Aritzo e Gadoni
Viaggio di istruzione di quattro giorni
Madrid
Classi terze Aritzo e Gadoni
Visite guidate sul territorio
tutti
DETERMINAZIONE DEL CALENDARIO SCOLASTICO PER L’ANNUALITÀ 2015/2016
Inizio Lezioni: 14 settembre 2015 Termine Lezioni: 10 giugno 2016 Note: La scuola dell'infanzia termina le attività educative il 30 giugno 2016
Le lezioni sono sospese nei giorni indicati:
Festività Nazionali:
Tutte le Domeniche;
1° Novembre 2015;
Festa di tutti i Santi
8 Dicembre 2015;
Immacolata Concezione;
25 Dicembre 2015;
Natale;
26 Dicembre 2015;
Santo Stefano;
1° Gennaio 2016;
Capodanno;
6 Gennaio 2016;
Epifania;
28 marzo 2016
Lunedì dell’Angelo;
25 Aprile 2016;
Anniversario della liberazione;
1°Maggio 2016;
Festa del lavoro;
2 Giugno 2016;
Festa Nazionale della Repubblica;
La festa del Santo Patrono se ricade in periodo di attività scolastica.
CALENDARIO SCOLASTICO REGIONALE
Ulteriori sospensioni delle attività scolastiche
dal 23 dicembre 2015 al 6 gennaio 2016
Vacanze Natalizie;
Il 09 febbraio 2016
Martedì grasso
dal 24 al 29 marzo 2016
Vacanze Pasquali;
28 aprile 2016
Sa die de sa Sardigna
02 novembre 2015
Decisa dal Consiglio d'Istituto
08 febbraio 2016
Decisa dal Consiglio d'Istituto
Del presente piano dell'offerta formativa fanno parte integrante:
- Il Regolamento d'Istituto;
- Il Patto Educativo di Corresponsabilità;
- Il Piano Annuale per l'Inclusività (P.A.I.);
- La Carta dei Servizi;
- Criteri di valutazione per grado di scuola e ambito/disciplina;
- Organigramma e funzionigramma sulla sicurezza;.

Allegati:
FileAutoreDimensione del File
Scarica questo file (POF  2015 -2016 (5).pdf)POF 2015 -2016 (5).pdfmarco1625 kB